Uomini e donne: ex tronista condannato per stupro

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
26/08/2022

I fan di Uomini e Donne, di certo ricorderanno Leoluca Granata, che qualche tempo fa aveva preso parte proprio al programma di Maria De Filippi. Il ragazzo, oggi ventenne, è tornato a far parlare di sé per una terribile vicenda: è stato condannato per stupro.

foto_amici_speciali_maria_de_filippi_come_sara_la_semifinale_finale

Leoluca Granata è un modello originario di Maranello, in provincia di Modena. Il ragazzo, che molti ricorderanno per la sua partecipazione a Uomini e Donne, attualmente è in carcere, dove sta scontando la sua condanna di 5 anni di reclusione.

Il ragazzo è stato accusato di aver violentato, insieme ad altri due amici, una sua coetanea. La famiglia, però, non è d’accordo: secondo loro la giovane era consenziente.

Leoluca Granata: in carcere in Svizzera per stupro

Leoluca-Granata

Le accuse per cui Leoluca è stato condannato risalgono allo scorso 25 settembre. Secondo la ricostruzione dei fatti, tutto sarebbe accaduto a Lugano, dove attualmente l’ex volto di Uomini e Donne è detenuto.

Lui, come la sua famiglia, sostiene però che non si è trattato di uno stupro ma di rapporti consenzienti; la ragazza, invece, ha spiegato di essere stata più volte violentata da lui e da suoi due amici ma che, sotto choc, non era capace di reagire.

La ragazza, conosciuta in una discoteca della cittadina svizzera, sarebbe stata agganciata dai tre dopo essere rimasta a piedi la mattina dopo la serata. Dopo alcune effusioni con Granata la giovane avrebbe poi accettato l’invito a salire a casa dei ragazzi.

Gli inquirenti hanno persino analizzato dei video fatti da Leoluca, file che hanno però contribuito alla condanna del ragazzo.

Non è stato stupro ma era un rapporto consenziente, la versione della ragazza non regge, sono diverse le contraddizioni emerse nel corso delle indagini.

ha rivelato la famiglia del giovane a Il resto del Carlino. Leoluca e i genitori Rosa Battista e Maurizio Granata, però, hanno visto respingere anche la richiesta di scarcerazione su cauzione e così, almeno per ora, il 20enne dovrà rimanere in carcere.