Temptation Island: Serena Spena si sfoga sui social

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
18/03/2021

In alcune recenti stories Serena Spena, ex concorrente di Temptation Island, si è sfogata in merito alla situazione generale che tutta l’Italia sta vivendo. La sua polemica, però, è rivolta soprattutto allo Stato che, secondo lei, ha abbandonato i suoi cittadini.

serena-spena

Serena Spena ha partecipato all’ultima edizione di Temptation Island, quella condotta da Alessia Marcuzzi, questa estate.

La donna, che ha davvero diviso il pubblico soprattutto per la sua scelta di uscire con il compagno nonostante le dure parole che lui le aveva rivolto, oggi si gode felice la sua ritrovata storia d’amore che, grazie al reality, lei e Davide Varriale sono riusciti a risanare.

Nelle ultime ore, però, la giovane ha affidato al suo profilo social un lungo sfogo. La ragazza si è infatti chiesta se valga ancora la pena restare nel Bel Paese, dove come tanti altri commercianti, si sente abbandonata dallo Stato.

Serena Spena: dura contro il governo

Schermata 2021-03-18 alle 15.34.13

In alcune recenti stories Serena Spena ha raccontato di non aver dormito troppo stanotte e, soprattuto, di essersi svegliata nervosa e incollerita.

La giovane napoletana, infatti, ha sottolineato quanto duro sia il periodo che tutti stiamo vivendo ma che lo Stato, secondo lei, non sta facendo abbastanza. 

“Vedo lo stato Italiano che non riconosce nulla“.

ha detto infastidita, parlando di come invece alcune suoi amici che hanno attività all’estero vengono aiutati e supportati anche economicamente.

“Noi invece siamo figli di nessuno“.

ha continuato, chiedendosi poi se sia il caso di rimanere in Italia o sarebbe meglio di fare le valigie e andare via. Serena ha chiesto un commento alle sue followers, curiosa di sapere cosa pensi del suo ragionamento chi la segue.

Dopo un po’, poi, in altre storie ha precisato di aver avuto un momento “no”, per il quale confrontarsi con gli altri e condividere le proprie impressioni le è stato utile.

Che dite, “scappare all’estero” potrebbe essere una buona soluzione?