SHTISEL 3 la serie tv israeliana famosa in Italia

03/05/2021

Il 25 marzo scorso è uscita sulla piattaforma di Netflix la terza stagione di Shtisel, la serie tv israeliana che raccoglie molti seguaci anche nel nostro paese. Il lavoro è composto da ben nove episodi e di seguito cerchiamo di capire come si era conclusa la seconda stagione e cosa invece ci aspetta in quella nuova.

1-gzopKEWox61WJXFYciMBdw

La seconda stagione di Shtisel sembrava davvero essere l’ultima, nessuno infatti si aspettava che la produzione decidesse di creare nuovi emozionanti episodi. Quella che si credeva essere la stagione conclusiva infatti è andata in onda tra il 2015 e il 2016,  dopo di che il silenzio. Ecco perché questa nuova sequela ha sorpreso tutti, ma proprio tutti!

Shitsel 2: dove eravamo rimasti

michael-aloni-in-una-scena-di-shtisel-credits-netflix

Durante l’ultimo episodio di SHTISEL 2, Ruchama non vede l’ora di sposarsi nonostante sia emerso che il fidanzato, Hanina Tonik, è estremamente concentrato sullo studio della Torah. La ragazza vorrebbe che il padre di Hanina partecipasse alla cerimonia, ma l’uomo e il ragazzo non si parlano da anni. Lei prova, inutilmente, a fare da paciere e intermediario.

Akiva è pronto a inaugurare la sua prima mostra personale di pittura a cui invita anche il padre. Ma Shulem si arrabbia con lui, perché, nel dipinto-chiave della mostra, è ritratta l’immagine di una donna che allatta un bambino. Convinto che si tratti della madre di Akiva, Shulem ritiene che la memoria della moglie sia stata offesa davanti a tutta la comunità. In realtà, Shulem è nervoso, perché è assalito dai sensi di colpa. Ha appena venduto a un misterioso acquirente francese il terreno del cimitero posto accanto alla tomba della madre e della moglie in cui lui aveva progettato di essere seppellito, una volta morto. Così, a suo modo, si sfoga sul figlio. Acquista il quadro incriminato per distruggerlo e impedire che altre persone possano vederlo.

Libbi è stufa delle liti tra il padre e lo zio Shulem che hanno condizionato il suo rapporto con Akiva. In un breve confronto, la ragazza rivela a Nukhem di voler trascorrere la propria vita con Akiva e che non le interessa se lui vorrà continuare a dipingere: lei lo ama così com’è. Lasciato il padre, Libbi si reca alla mostra di Akiva.

Cosa ci aspetta nella nuova stagione

una-scena-di-shtisel-credits-netflix

A settembre dello scorso anno è stato diffuso il trailer di Shtisel 3, di seguito vediamo le novità:
Akiva
, che indossa lo shtreimel, il tipico cappello da cerimonia usato anche nei matrimoni, parla con Libbi vestita da sposa le chiede di posare per un ritratto. In un’altra breve scena del trailer, Akiva discute con Shulem spingendo una carrozzina per neonati. Sembra dunque che Akiva e Libbi si siano sposati e siano diventati genitori. Sembrerebbe però la coppia abbia problemi di denaro che potrebbero risolversi se Akiva si decidesse a vendere alcuni quadri.

Dal canto suo Shulem, vedovo da circa 7 anni, è ancora alla ricerca di una moglie. Nel trailer si vede anche Yossele Weiss, il figlio ormai diciannovenne di Giti e Lipa. Il ragazzo è in età da matrimonio e, come da tradizione, deve iniziare a incontrare delle ragazze, tra cui scegliere la possibile fidanzata. Ma Yossele sembra più bendisposto a studiare la Torah, che a mettere su famiglia.

Durante un appuntamento preliminare organizzato dalla sensale Menukha però, Yossele conosce Shira e, contro ogni previsione, tra i due sembra nascere subito un’intesa. E Ruchama? La tormentata figlia di Giti sembra alle prese con una vita coniugale che le dà qualche preoccupazione.

Shitesel, un enorme successo!

shtisel-netflix-ebrei-ortodossi-1

Shitsel è una serie tv israeliana e più precisamente ambientata a Gerusalemme nel quartiere di Geula dove vive una comunità di ebrei ortodossi charedì. Al centro della storia c’è una famiglia molto numerosa, gli Shtisel appunto, e le complicate vicende dei vari personaggi che ne fanno parte.

Le scelte di ognuno sono molto influenzate dalle regole religiose che vigono all’interno della comunità di cui fanno parte ed è proprio questo ad avere colpito il pubblico: ogni singolo problema, grande o piccolo che sia, acquisisce da subito una certa importanza e arriva a coinvolgere un importante numero di persone facendo così sentire forte il senso di comunità e appartenenza.

Con le sue storie Shtisel è in grado di avvicinare i “non ebrei” a quelli che sono usi e costumi sconosciuti, senza superficialità ma coinvolgendo il telespettatore in uno straordinario viaggio sociologico, culturale e antropologico.

shtisel-date-1453232316


Roberta Porti
  • Laureata in Scienze Politiche
  • Esperta in Gossip e Soap opera
Suggerisci una modifica