Sanremo 2023: Mediaset lancia la contro-programmazione

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione
12/01/2023

Mancano pochissime settimane al debutto della 73esima edizione del Festival di Sanremo. Le edizioni di Amadeus hanno visto la kermesse canora rinascere con un successo che non si verificava da decenni, così, anche per quest’anno, è atteso un numero di ascolti decisamente elevato. Per le cinque serate del Festival, Mediaset ha deciso di partire con la “contro-programmazione”.

festival-di-sanremo-amadeus

Il Festival di Sanremo è praticamente alle porte: da martedì 7 febbraio fino a sabato 11 febbraio, si terranno le cinque serate della kermesse canora più attesa d’Italia che quest’anno volge alla sua 73esima edizione.

Ancora una volta (la quarta) sotto la direzione artistica di Amadeus, che ne è anche conduttore, per il Festival di Sanremo le aspettative sugli ascolti sono molto alte, vista l’ondata di ampissimo successo avuta nelle precedenti tre edizioni di Amadeus.

Quest’anno Mediaset, ha deciso di contrattaccare la Rai e rispondere con una contro-programmazione volta a sottrarre pubblico alla tv di Stato.

Mediaset: la contro-programmazione per Sanremo 2023

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Grande Fratello (@grandefratellotv)

Nelle cinque serate del Festival di Sanremo 2023, che vanno dal 7 all’11 febbraio, le altri reti televisive corrono ai ripari per evitare di perdere pubblico, soprattutto dopo il grande successo che stanno ottenendo le edizioni che hanno Amadeus come Direttore artistico e conduttore.

Proprio nella giornata di ieri, Mediaset ha cominciato la propria scelta di programmazione proprio nelle serate del Festival di Sanremo. Schierati in prima serata quindi, Mediaset contrattaccherà la Rai con i suoi show di punta, come annunciato da un comunicato:

Le reti Mediaset continueranno quindi la propria normale programmazione anche durante la settimana del Festival di Sanremo, l’evento di musica, costume e tv più importante in Italia: da editori riteniamo un valore aggiunto fornire al pubblico un’alternativa di visione e assicurare ai telespettatori Mediaset tutti gli appuntamenti abituali senza pause. Lo possiamo fare perché, dal punto di vista commerciale, l’andamento positivo della raccolta pubblicitaria Mediaset durante i Mondiali di Calcio ci ha dimostrato che in questa fase di mercato gli eventi in onda sulle reti concorrenti poco incidono sui ricavi pubblicitari della nostra programmazione.

Una guerra persa contro Sanremo?

Amadeus-Sanremo-GettyImages-1304977398

Secondo molte opinioni, la decisione di Mediaset di contrattaccare il Festival di Sanremo potrebbe rivelarsi una scelta fallimentare.

Il paragone con i Mondiali di calcio di dicembre 2022 infatti, risulterebbe per molti poco paragonabile con la kermesse canora, dal momento che in molti casi, Festival e programmi di punta Mediaset potrebbero incontrare lo stesso target. Inoltre, agli ultimi due Mondiali di calcio l’Italia non era presente, ragione per la quale anche l’evento calcistico, per quanto spettacolare, potrebbe non avere fatto completamente presa sul pubblico Rai.