Pomeriggio 5: la storia di Nicole, nata in macchina

-
24/01/2021

A Pomeriggio 5 sono stati ospiti, in collegamento dalla loro casa di Brusasco, in provincia di Torino, i genitori della piccola Nicole, nata in auto grazie all’aiuto di papà Lorenzo, che ha assistito la moglie durante il parto avvenuto rapidamente per la tanta voglia di nascere della loro secondogenita. 

Progetto senza titolo – 2021-01-24T112414.641

Questa storia, curiosa ed emozionante al tempo stesso, ha trovato spazio non solo sui giornali locali ma anche su quelli nazionali, per l’eccezionalità dell’evento: nel torinese una bambina è nata in auto grazie all’aiuto di papà Lorenzo che, seppur preso alla sprovvista dalle circostanze, si è improvvisato ostetrico e ha fatto nascere sua figlia prima dell’arrivo del 118.

Lorenzo Caruso e Alessandra Petrarulo, la coppia di Brusasco, in provincia di Torino, protagonista della storia, sono stati ospiti di Pomeriggio 5, in collegamento dalla loro casa, insieme alla piccola Nicole e al primogenito Thomas, per raccontare l’emozione, mista a paura e tensione, provata in quegli istanti.


Leggi anche: La prima macchina 100% Hello Kitty

Lorenzo Caruso ha spiegato a Barbara d’Urso che, quella notte del 14 gennaio, appena dopo aver fatto 150 metri in macchina, la moglie ha subito capito che stava succedendo qualcosa: nemmeno il tempo di fermarsi e aprire la portiera per spostarsi nei sedili posteriori, che Alessandra ha dato subito l’allarme, perché la loro bambina non voleva saperne di aspettare e stava già uscendo.

Barbara d’Urso: “Papà Lorenzo è diventato dottor Giò”

Progetto senza titolo – 2021-01-24T113110.299

Barbara d’Urso ha ironizzato con il papà Lorenzo, chiamandolo scherzosamente “Dottor Giò“, con riferimento alla fiction televisiva della conduttrice di Pomeriggio 5, complimentandosi con lui per la prontezza di spirito in una situazione così improbabile. Le condizioni non erano nemmeno ideali: non solo la coppia si trovava in auto,  ma erano le 4:28 del mattino, in una fredda notte di gennaio, e con loro c’era anche un altro bambino, il loro primogenito Thomas, che è rimasto tranquillo per tutto il tempo.

Alessandra e Lorenzo hanno ricordato anche il momento forse più emozionante, ovvero quando il padre ha tagliato il cordone ombelicale seguendo le indicazioni dei medici del 118 e utilizzando una mascherina sterile che avevano in macchina.

Alessandra ha confessato a Barbara d’Urso che questa esperienza, oltre ad essere indimenticabile per entrambi, li ha uniti ancora di più come coppia, perché insieme hanno affrontato una situazione che ora appare bellissima, ma che sul momento li aveva spaventati.


Ilaria Bucataio
Laureata in Scienze della comunicazione
Esperta in: TV e Gossip
Suggerisci una modifica