Mattino 5: polemica per la regola del silenzio ai bambini

-
22/01/2021

Ultima puntata della settimana di Mattino 5; nell’appuntamento di oggi Federica Panicucci e Francesco Vecchio hanno affrontato molte tematiche dalla politica ai vaccini, fino ad arrivare alla regola del silenzio. Una norma che vige in alcune scuole elementari di Como. 

2021-01-22 (2)

Oggi venerdì 22 gennaio Federica Panicucci e Francesco Vecchio hanno concluso questa meravigliosa settimana in compagnia di Mattino 5. Nell’appuntamento di oggi oltre alla situazione del Governo e alla questione vaccini, sono stati trattami molti altri temi, tra questi anche quello della regola del silenzio.

A quanto pare in alcune scuole elementari di Como vige la regola del silenzio all’interno delle mense; questo vuol dire che i bambini mentre consumano il loro pasto hanno l’obbligo di non parlare con i loro compagni.

Nello studio di Mattino 5 Francesco Vecchio insieme ad alcuni ospiti virtuali e non, ha commentato questa nuova regola.


Leggi anche: Negozi per Bambini online: per lo shopping online dei tuoi bambini

Obbligo di silenzio nella mensa scolastica

2021-01-22 (4)

Nello studio di Mattino 5 è stato trattato il tema de “la regola del silenzio“; a quanto pare in alcune scuole elementari di Como è stata imposta questa regola che durante la permanenza in mensa per consumare il pranzo, i bambini hanno l’obbligo di stare in silenzio.

Francesco Vecchio prima di discutere questo tema con i suoi ospiti ha lanciato il servizio lasciando la parola al suo inviato a Como. Quest’ultimo ha raccolto alcune testimonianze molto discordanti tra loro. Nella città lombarda infatti c’è chi sostiene che un po’ di rigore in più nelle scuole non è sbagliato; e chi invece crede che i bambini sono già stati sufficientemente provati da questa situazione.

Dopo il servizio Vecchio ha commentato questa “regola del silenzio” insieme ai suoi ospiti: Mario Benedetto, e  Emanuela Carcano. Anche in questo caso i due hanno dimostrato di avere dei pareri molto diversi.

Benedetto infatti ribadiva che le scuole non dovrebbero essere considerate degli ammortizzatori sociali, e che quindi in realtà dei momenti di convivialità come il pranzo non dovrebbero esserci per niente. Mentre invece la Carcano sosteneva che un po’ di disciplina in più non gusta mai!


Anna Vitale
Laureata in Comunicazione pubblica e digitale
Esperta in: Tv e Gossip
Suggerisci una modifica