Lory Del Santo si racconta: “Non ho nessun rimpianto”

Ilaria Bucataio
  • Laureata in Scienze della comunicazione
  • Esperta in: TV e Gossip
31/12/2020

Lory Del Santo si è confidata senza filtri durante la trasmissione “Oggi è un altro giorno”. La showgirl ha raccontato le sue origini e la sua infanzia difficile, oltre che il dolore provato dopo la morte dei due figli. 

Progetto senza titolo (38)

Lory Del Santo, la showgirl italiana ex concorrente dell’Isola dei Famosi e del Grande Fratello Vip, ha scelto di raccontarsi nella trasmissione del pomeriggio di Rai 1 “Oggi è un altro giorno”, dove è stata intervistata dalla conduttrice Serena Bortone, rivelando particolari toccanti della sua vita, che hanno molto colpito il pubblico.

Partendo dalla sua infanzia, Lory Del Santo ha raccontato di essere nata in condizioni di estrema povertà: è venuta alla luce in una stalla, perché nella casa dei suoi genitori non c’erano né riscaldamenti né vetri alle finestre. La vita per lei è stata dura fin dai primi anni di vita, la showgirl infatti ha perso il padre all’età di 3 anni, rimanendo così sola con la madre e la sorellina più piccola.

Mentre la madre lavorava tutto il giorno per cercare di garantire il sostentamento alle sue due figlie, Lory Del Santo veniva istruita in un istituto di suore, impegnandosi al massimo per dare una soddisfazione alla madre, che tanto teneva alla formazione della figlia.

Lory Del Santo: il dolore per la morte dei figli

Progetto senza titolo (40)

Nonostante il riscatto sia arrivato con la popolarità e il successo nel mondo dello spettacolo, la vita familiare di Lory Del Santo è stata caratterizzata da altri dolorosi episodi: madre di tre figli, ne ha persi due in circostanze tragiche. Il primo figlio Conor, avuto da Eric Clapton, è scomparso all’età di 5 anni cadendo dalla finestra di un grattacielo di New York.

Dopo la nascita di un altro figlio nel 1991, Devin, è arrivato anche Loren, nel 1999. Un nuovo dolore ha colpito però Lory Del Santo: Loren infatti ha sofferto lungamente per una malattia, l’anedonia, che lo portava a vivere distaccato dalla realtà e che lo ha portato al suicidio nel 2018. La showgirl è riuscita in parte ad attenuare il dolore per la tragedia in quanto consapevole della malattia del figlio e di aver dato tutto l’amore possibile a Loren:

“Forse è meglio che sia successo, ed è per questo che mi sono un po’ calmata. Ci sono malattie che non tornano mai indietro, e le medicine che possono guarirle portano a disfunzioni fisiche gravissime. Lui ha vissuto il meglio che poteva e io gli ho dato tutto, non ho nessun rimpianto”.