GF Vip, Zorzi, shock: minacciata tata Cecilia

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
04/12/2020

Tata Cecilia, amica ed ex babysitter di Tommaso Zorzi, nelle ultime ore ha ricevuto sui suoi social una serie di minacce. Alcuni fan di Dayane Mello, infatti, le avrebbero scritto messaggi pieni di odio e di intimidazioni!

Tommaso-Zorzi-e-stato-querelato-Meteoweek

Durante una puntata di qualche settimana fa nella diretta del GF Vip abbiamo conosciuto Cecilia, la tata di Tommaso che è stata insieme a lui e a sua sorella per 21 anni.

La donna ormai è una di casa per la famiglia di Zorzi e, subito, si è fatta amare anche dal pubblico e da Alfonso Signorini, che le ha chiesto se per caso avesse una sorella che poteva occuparsi di lui come lei si occupa dell’influencer.

In collegamento da Milano, così, la donna ha rinnovato il suo sostegno al ragazzo e lo ha rassicurato su quello che sta succedendo fuori. A casa sua, infatti, stanno tutti bene!


Leggi anche: GF Vip: Zorzi insulta e dà dello stron*o a Signorini

Di recente, però, Cecilia ha scoperto che con la “popolarità”  troppo spesso arrivano anche gli haters.

Tata Cecilia: minacciata la babysitter di Tommaso

Schermata 2020-12-03 alle 18.31.37

La donna, infatti, nelle ultime ore ha ricevuto una serie di messaggi violenti e volgari da parte di un fan di Dayane Mello.

“Sciacquati la bocca quando parli di Dayane, altrimenti sporgerò subito una denuncia postale. Sono già in possesso dei tuoi dati, sei una povera schiava bassa, grassa e trans, che ha bisogno di pubblicare idiozie. Sicuramente suc**i il c**o a questo gay. Provo tristezza e disgusto”

si legge, infatti, negli screenshot pubblicati dalla donna.

“Stai molto attenta quando camminerai a Milano perché so dove vive Zorzi

continua il messaggio, scritto in brasiliano tramite un profilo finto. Così Cecilia, sconvolta e spaventata, ha mostrato quello che sta subendo.

“Non capisco perché tutto questo odio. Ragazzi il Grande Fratello è un gioco…” ha scritto lei, taggando anche la polizia postale. E speriamo che questi messaggi intimidatori arrivino presto ad una fine!