GF Vip, Maria Teresa umiliata: Stefania la consola

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
27/01/2021

Ancora una volta Maria Teresa Ruta è entrata in una profonda crisi. Tutto è nato da un gioco organizzato dal Grande Fratello che, però, ha molto scosso la donna, che si è sentita umiliata. A consolarla è arrivata la Orlando!

Schermata 2021-01-27 alle 12.23.35

Per Maria Teresa Ruta l’esperienza nella Casa del Grande Fratello diventa ogni giorno più difficile. Dopo la crisi di qualche giorno fa avuta per colpa del litigio con Cecilia Capriotti, infatti, la donna è tornata ad avere un momento “buio” dopo un gioco organizzato ieri sera.

Gli undici coinquilini rimasti si sono sfidati nel gioco dei pouf in cui due persone alla volta, bendate, dovevano ballare e, una volta stoppata la musica, sedersi sul divanetto prima dell’altro. Chi rimaneva in piedi, veniva eliminato.

Maria Teresa è stata la prima a giocare, e si è scontrata con Zenga. È stata lei ad uscire dal gioco ma, dopo essere stata eliminata, la mamma di Guenda, visibilmente scossa, si è isolata in veranda.


Leggi anche: GF Vip: Zelletta ancora contro Maria Teresa Ruta?

È stata Stefania a consolarla, come al solito, e così anche il pubblico si è reso conto dei sentimenti della Ruta.

Maria Teresa Ruta: social in rivolta per il suo trattamento

confidenze-in-giardino-stefania-orlando-maria-teresa-ruta

Ancora una volta Maria Teresa Ruta si è sentita umiliata e messa da parte dai suoi coinquilini.

“Mentre cercavo il pouf tutti tifavano Andrea Zenga, c’erano cori da stadio. Nessuno diceva il mio nome, solo tu mi hai incoraggiato. Poi hanno smesso, perché si sono resi conto che era stonato tifare tutti contro una”.

ha detto, ormai in lacrime, la Ruta.

“Io tifo sempre per te, non solo al gioco dei pouf”.

ha risposta Stefania, arrivando con questa commovente frase in tendenza su Twitter. La Ruta, però, è apparsa inconsolabile e proprio il popolo del web si è scagliato contro i coinquilini della donna. “Vergognatevi!” si legge su centinaia di account.