Bonolis attaccato: “Esagera e non fa ridere”

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
14/03/2021

Nell’ultima puntata di Tv Talk, show-magazine di Rai Educational, si è parlato di Paolo Bonolis e, in particolare, del comportamento del conduttore verso i suoi concorrenti. Qualcuno, infatti, ha definito l’uomo a tratti un po’ troppo sopra le righe.

Foto-avanti-un-altro-bonolis-problema

Paolo Bonolis, con i suoi 10 milioni annui, è uno dei conduttori più pagati della televisione. La sua intelligenza, unita a una buona dose di sarcasmo, lo ha reso anche uno dei personaggi più amati.

Il rovescio della medaglia, però, mostra anche tantissima gente che non lo sopporta, soprattutto per le battute che rivolge ai concorrenti dei suoi programmi o per le “prese in giro” che fa loro.

A parlare di lui di recente è stato Francesco Mandelli. Il noto attore, insieme agli altri ospiti dell’ultima puntata di tv talk, ha infatti sottolineato che il conduttore a volte esagera davvero.


Leggi anche: Paolo Bonolis: “Io a Sanremo sì, ma non all’Ariston”

Paolo Bonolis: un bullo?

paolo-bonolis-kronic2

Paolo Bonolis, un po’ come tanti altri personaggi del mondo dello spettacolo, nel corso della sua carriera ha attirato molte critiche, soprattutto da chi spesso lo trova gratuitamente cattivo o addirittura crudele con i partecipanti alle sue trasmissioni.

Anche Francesco Mandelli, ospite a Tv Talk, ha detto la sua sul conduttore che, a volte crea gag non troppo belle ed esagera con le battute.  

“Io non parlerei di bullismo.

ha però precisato, spiegando che visti i tanti programmi di cui si è occupato è normale che a volte ci siano stati sketch poco riusciti o battute che non fanno ridere. 

Anche Mauro Coluzzi, in arte Platinette, ha preso parte al programma ed proprio durante la puntata ha voluto spezzare una lancia a favore di Bonolis che, secondo lui, è davvero incredibile nei panni del conduttore.

Secondo Platinette a fare la differenza è a capacità di Paolo di adattarsi ad ogni situazione e di essere davvero versatile. Certo, “battutacce” a parte!