Amici: Maria De Filippi assolta dall’accusa di plagio

Oltre 16 anni fa Maria De Filippi e il suo celebre programma “Amici” erano stati accusati di plagio ma, finalmente, la vicenda sembra arrivata ad una svolta. La conduttrice e il suo amato show, infatti, sono stati assolti. Ecco come sono andate le cose.

maria-de-filippi-amici-1

Maria De Filippi può finalmente tirare un sospiro di sollievo. La popolare conduttrice, infatti, è stata assolta dall’accusa di plagio che aveva ricevuto ben 16 anni fa.

La vicenda risale al 2004, quando lo sceneggiatore Roberto Quagliano citò in giudizio la moglie di Costanzo, autrice di Amici, per aver plagiato il  suo precedente prodotto televisivo: “Scuola di spettacolo”.

L’uomo chiese al tribunale che la Fascino PGT, casa di produzione di Maria De Filippi, lo risarcisse ma la richiesta fu subito respinta dai giudici, che stabilirono che i due programmi erano davvero diversi.

Quello di Maria, infatti, è un talent show mentre l’altro programma aveva l’aspetto di un reality, cosa confermata in queste ore dalla Cassazione.


Leggi anche: Maria De Filippi, intervistata, si racconta per la prima volta

Amici: nessun plagio per Maria De Filippi

maria-de-filippi-uomini-e-donne-tronista-trans

La sentenza che ha scagionato Maria De Filippi è stata poi confermata nel 2016 dalla corte d’appello, mentre oggi, come riporta il sito dell’ANSA, anche la Cassazione ha sottolineato la non colpe olezza della conduttrice.

“Amici di Maria De Filippi non è un plagio. Lo ha stabilito la prima sezione civile della Corte di Cassazione (presidente Francesco Genovese) che – con un’ordinanza comunicata il 5 dicembre – ha assolto definitivamente la conduttrice dall’accusa di aver copiato un precedente format tv“.

si legge nel sito, che sottolinea come dopo oltre sedici anni si sia finalmente conclusa la vicenda.

“La Suprema Corte ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato Giorgio Assumma e ha confermato le due precedenti pronunce del tribunale di Roma e della Corte d’Appello”.

continua l’articolo, che ha anche spiegato come la Cassazione ha condannato Quagliano al rimborso delle spese dei tre gradi di giudizio proprio nei confronti di Queen Mary.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Moda, Design e Gossip
Suggerisci una modifica