Implantologia dentale all’estero: conviene davvero?

-
07/08/2013

Dentista

L’implantologia dentale è sicuramente una delle pratiche più conosciute in ambito odontoiatrico: la gran parte dei clienti che si reca in uno studio dentistico, infatti, è solita chiedere un intervento che miri a sostituire, con denti artificiali, gli spazi lasciati vuoti dai quelli che erano i vecchi denti naturali.

In sostanza tali persone ricorrono a ciò che è il fine ultimo di un classico intervento di implantologia dentale.

Tuttavia, è alquanto noto di come i tariffari italiani siano piuttosto salati in questo specifico settore.

Un’operazione di implantologia dentale, con annessa protesi dentaria, può difatti venire a costare diverse migliaia di euro rendendo sempre più esigua la fetta di persone che ha la possibilità di ricorrervi.


Leggi anche: Sposarsi all’estero, le regole da seguire

E’ questa la ragione per la quale l’Italia, così come altri paesi ritenuti piuttosto dispendiosi, è venuta a conoscenza del cosiddetto turismo odontoiatrico.

Ogni anno, circa 30 mila italiani si mettono in viaggio verso Croazia, Ungheria, Romania e Slovenia con il solo scopo di sottoporsi ad un intervento di implantologia dentale.

A dimostrazione di come questo fenomeno abbia ormai fatto radici e si sia sempre più radicato negli usi del popolo italiano, vi è l’evidente diffusione delle agenzie specializzate: con una presenza capillare sul territorio ed un’organizzazione obiettivamente minuziosa, questi enti pianificano veri e propri viaggi mirati a favore dei loro clienti, che decidono di partire per terre straniere con l’obiettivo di veder ristrutturata la propria dentatura.

A quanti vogliono oltrepassare il confine, tali agenzie progettano in toto il percorso da sostenere garantendone il trasporto di andata e ritorno, il vitto, l’alloggio e spesso si occupano anche di fissare l’appuntamento con l’odontoiatra di turno.

Ma è davvero così conveniente spostarsi all’estero per sottoporsi ad un intervento di implantologia?

La risposta non è : il prezzo di un’operazione e il costo stesso di un impianto, appaiono decisamente meno cari se confrontati con il tariffario comune italiano.

Orientativamente, la spesa di una prestazione medica chiesta da un dentista straniero è di almeno il 60% più bassa di quella in cui si incorrerebbe presso una clinica dentistica italiana.


Potrebbe interessarti: Berlusconi Donne: il ritratto del Premier all’estero

Una percentuale tanto evidente, che è persino in grado di rendere conveniente il sostentamento delle spese di viaggio!


Germana
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Design
Suggerisci una modifica