Rimettersi in forma dopo l’estate: come porre rimedio dopo gli stravizi estivi

Aimè l’estate sta velocemente volgendo al termine. Anche se la gran parte degli italiani sono ancora in ferie, ben presto in molti dovranno rimontare sulle proprie automobili per riprendere la via di casa.

Ma come si sa l’estate è un momento di rilassatezza e divertimento: chissà quante cene con amici e parenti, chissà quante paste e cornetti di mezza notte! E così, prima che ce ne si possa rendere conto, compaiono quei due chili in più (tradizionalmente posizionati proprio lì dove sono meno desiderati). E dunque cominciano le lamentele per quell’aspetto appesantito che proprio non piace e di conseguenza i piani d’attacco alla ciccia da perdere che spesso naufragano nel niente. Il problema è che quasi sempre il perdere chili viene percepito come una sofferenza, come un privasi dei piaceri della vita, come un vivere di stenti. In realtà basterebbe cambiare approccio e percepire la “dieta” come un cambio di mentalità e di approccio al cibo. Pian piano bisognerebbe abituare il proprio corpo a mangiare in modo più sano e naturale: si tratta di un percorso più lungo ma si evitano sofferenze e il dannoso effetto yo-yo. Basta eliminare gli alcolici e le bibite zuccherate, moderare l’olio e il burro ed limitare il consumo di carboidrati dopo le 17 (quando risulta più difficile smaltirli). Questo non vuol dire morire di fame converrete con me. Ad esempio un’ ottima abitudine è quella di fare tanti piccoli pasti al giorno (anche molto leggeri come un frutto o uno yogurt) in modo da accelerare il metabolismo. Inoltre è consigliabile consumare la frutta lontano dai pasti (magari come merenda o spuntino di metà mattino) e far precedere i pasti da un’abbondante dose di verdura (che riempie lo stomaco).

Rimettersi in forma dopo l’estate: come porre rimedio dopo gli stravizi estivi