Fish pedicure: piedi perfetti grazie ai pesci pulitori

Siete abituate alla classica pedicure con acqua calda, sali da bagno, creme e tanto olio di gomito per eliminare calli e duroni? Mi spiace per voi ma rischiate di sembrare signore attempate che non stanno al passo con i tempi. Dopo le molte innovazioni per la cura dei piedi come le alghe marine, la farina di ceci, le argille verdi e i fanghi, arriva un nuovo e rivoluzionario trattamento per avere piedini morbidi e lisci: la fish pedicure.

Si tratta di uno speciale trattamento che aiuta ad eliminare in modo indolore e divertente calli, duroni e le pelli morte dei piedi (anche se però può essere fatto anche per le mani). È sufficiente immergere i piedi in una vasca perché tanti piccoli pesci pulitori (solitamente si tratta della razza Garra Rufa) si avvicinino ai piedi andando a mangiare tutte le parti morte della pelle. Oltre ad eliminare le cellule morte e le parti secche i pesci fanno un piacevole massaggio al piede e riattivano la micro circolazione sanguigna locale. Inoltre questi pesci hanno una caratteristica che li rende davvero speciali: durante il trattamento rilasciano un eccezionale enzima, il dithranol, molto efficace per cura di patologie cutanee non psicosomatiche. Di conseguenza la fish pedicure è un trattamento che si colloca a metà tra l’intervento estetico e quello curativo.

Ma non è tutto oro quello che brilla: nonostante la fish pedicure sia apprezzatissima dalle clienti dei maggiori centri di bellezza di tutto il mondo, la Svizzera ha di recente proibito il trattamento se non in caso di necessità di tipo medico. Non sono chiare però le ragioni che hanno spinto i legislatori ad una decisione così drastica.

fish pedicure