Cosa mangiare quando si ha la febbre

L’influenza, ostacolo principe dei mesi più freddi dell’anno, è quanto di più fastidioso possa accaderci, soprattutto per quanto riesce a debilitarci fisicamente, anche dopo averla “sconfitta”. L’indebolimento a cui è sottoposto il nostro fisico è naturale, nel senso che il nostro corpo per eliminare il virus dovrà “faticare” molto e proprio per questo motivo è necessario alimentarlo nel modo giusto.
Quando la febbre arriva in sostanza, aumentano anche alcune richieste del nostro organismo, come ad esempio l’esigenza di acqua. L’aumento della temperatura corporea infatti aumenta il bisogno di acqua (sudiamo molto), per cui sarà necessario bere molto.
Dunque prima regola, bere tanto. Ideali sono poi delle tisane calde, dolcificate possibilmente con il miele. Le tisane ben calde ci aiutano con il vapore a liberare il naso e ci alleviano la gola.
Importanti sono poi le spremute d’arancia e di limone, disinfettano e apportano vitamine. Il consiglio è di berle subito appena fatte, altrimenti le vitamine tenderanno ad evaporare.
Mangiate cibi semplici, niente di elaborato e soprattutto digeribili come carne e pesce magro, bresaola, grana, riso e pasta senza condimenti elaborati.
Indicatissimi sono i brodi, offrono al paziente molti liquidi ricchi di sali minerali che di norma si perdono con la sudorazione eccessiva causata dalla febbre. Arricchiteli con formaggio, pasta o riso, perchè da soli apportano pochissime energie.

Evitate cibi pesanti o dal sapore forte, e mangiate molta frutta e verdura per reintegrare la flora batterica e se avete nausee e vomito a maggior ragione.

Il consiglio ultimo è naturalmente quello di stare a letto e ben coperti! Fatevi coccolare!

Cattura