Mi vuoi sposare? E io ti truffo!

Donne italiane, aprite bene gli occhi. Le truffe e i malintenzionati nel web sono infatti all’ordine del giorno e a testimonianza di ciò, c’è l’arresto effettuato dai finanzieri della Compagnia di Caserta, ai danni di un uomo di 31 anni residente a Maddaloni.
L’uomo è stato arrestato per sostituzione di persona e possesso di segni contraffatti di appartenenza alla Guardia di Finanza. La truffa portata avanti dal ragazzo era molto semplice: si fingeva un finanziere per adescare giovani ragazze sprovvedute in rete facendo loro promesse di matrimonio al fine di raggirarle per sottrarre ingenti somme di denaro.
In oltre 10 anni di “attività”, la truffa ha avuto come vittime ben 260 persone, tra cui responsabili religiosi e associazioni di volontariato locale.
L’uomo si spacciava per il capitano Davide Mataluna e poteva cosi permettersi di frequentare  locali notturni alla moda e mostrando il suo tesserino, convinceva i proprietari a non fargli pagare il conto. Attirava inoltre giovani ragazze nei social più famosi, tra cui alcune minorenni a cui riusciva ad estorcere somme di denaro, a seguito di promesse di matrimonio con corsi pre-matrimoniali annessi.
Tanto per fare due numeri, una ragazza di San Prisco è stata truffata e raggirata per un importo complessivo di 7500 euro. L’importo era cosi suddiviso:  500 euro anticipo del pranzo nuziale, 750 euro fotografo, 1.000 euro cantante e 3.000 euro per le cure della madre. Alla ragazza è stato chiesto anche un anticipo di 28mila euro per il pagamento dei mobili. Grazie al padre della ragazza però, il truffatore è stato incastrato.
Sono in corso attualmente le indagini che hanno coinvolto anche la madre (F.C., di anni 69) e i due fratelli (D.S.A. e D.S.P., rispettivamente di anni 32 e 28). L’accusa è ora di associazione a delinquere.

gdf1