Qual è l’eta giusta per avere un figlio?

Il calo della natalità nel nostro Paese è un dato di fatto, che si ripercuote non solo sulle famiglie ma anche sulla società.

Questo fenomeno dipende da molti fattori, prima di tutto da quello economico, a causa della crisi e del precariato lavorativo. Ma deriva anche dal fatto che la considerazione della vita è cambiata: la maturazione di aspirazioni fa anteporre la propria realizzazione personale al desiderio di maternità.

Oggi le trentenni spesso si sono affacciate da poco al mondo del lavoro, dopo aver conseguito una laurea. E così antepongono viaggi ed impegni vari alla decisione di fare un bimbo. Anche i media danno risalto alle gravidanze di donne  in là con gli anni e di primapare più o meno attempate. Tuttavia, la gravidanza in età avanzata, oltre i quaranta, ha un costo: psicologico ed economico, con cure mediche impegnative, costose e talvolta nemmeno efficaci.

Si aggiunga a ciò che avere un bambino al giorno d’oggi è visto come fonte di stress: i genitori fanno sacrifici per organizzare la quotidianità e districarsi dai mille impegni.

Questo fa da deterrente per molti giovani, che a trent’anni magari escono di casa o iniziano ad impegnarsi in una relazione seria. C’è voglia di godersi la vita, prima di pensare alle responsabilità.

Ovviamente il discorso è generico e d ognuno ha le proprie aspirazioni, l’età giusta per diventare mamma è certamente soggettiva e ogni decisione ha pro e contro che vanno ben ponderati e valutati per evitare poi di scaricare eventuali frustrazioni sul compagno, o peggio ancora, sul proprio bimbo.

bimbomamma