In gravidanza e allattamento NO sigarette elettroniche

Sulle sigarette elettroniche ci sono ancora molti aspetti da chiarire, ma nel frattempo arriva il monito del Consiglio Superiore della Sanità rivolto alle donne in gravidanza. Secondo gli esperti del Css, infatti, le neo mamme farebbero meglio a non usare la sigaretta elettronica non solo nei mesi della gestazione, ma anche durante l’allattamento.

Il Consiglio Superiore della Sanità, inoltre, ha suggerito di vietarne l’uso anche nelle scuole per tutelare la salute dei giovani. Del resto, non è stato ancora dimostrato che le sigarette elettroniche siano innocue e gli studi sulla loro pericolosità o meno sono ancora troppo pochi. Nella vicina e lungimirante Francia per esempio, sono state vietate in tutti i luoghi pubblici e non a torto, secondo il mio modesto parere.

Il problema è che prima di mettere in commercio qualcosa si dovrebbe verificarne la pericolosità o meno, mentre nel caso delle sigarette elettroniche sono state immesse con pochi studi alle spalle. Ecco, perché il Css ha proposto al Ministero di promuovere iniziative informative sui potenziali rischi e attività di ricerca, ma anche che siano vietate ai minori di 18 anni e che le ricariche siano realizzate con sistemi di sicurezza a prova di bambino.

Secondo il Consiglio Superiore di Sanità, inoltre, le sigarette elettroniche non sarebbero nemmeno dei medicinali per funzione. Ciò vuol dire che le sigarette elettroniche, immesse sul mercato con lo scopo di aiutare le persone a smettere di fumare, non fungono, anzi, sono il movente per continuare a fumare e per di più anche nei luoghi pubblici.

 

In gravidanza e allattamento NO sigarette elettroniche