Gravidanza Sclerosi Multipla: Per una maternità possibile e consapevole

Corro un rischio di mettere al mondo un figlio malato? Sarò in grado di prendermi cura di un figlio? Come curarmi in gravidanza? Posso curarmi in gravidanza e cosa rischia il feto?”. Queste le domande più comuni che, stando a quanto dichiarato dallo psicologo dell’Istituto Besta Andrea Giordano, si pongono le donne affette dalla Sclerosi Multipla ma desiderose di vivere il sogno della maternità come tante altre madri.

Ed è stato proprio nel tentativo di dare risposta a queste domande che ieri, 7 marzo 2012, presso l’Istituto neurologico di Milano si è tenuto il convegno Diventare Mamma Con La Sclerosi Multipla che, con dati alla mano, ha affrontato il tema della sclerosi a placche, una malattia variabile e molto complessa che colpisce il sistema nervoso centrale.

In occasione dell’incontro l’Istituto Besta ha voluto anche presentare un opuscolo, realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, volto ad informare e consigliare le donne affette da questa malattia ma desiderose di dare vita ad un figlio e vivere questa esperienza in maniera serena e consapevole.

“A tutte queste domande al Besta abbiamo cercato di rispondere realizzando un opuscolo, in collaborazione con l’ Associazione italiana sclerosi multipla, già collaudato con successo in Australia, per aiutare le pazienti a fare una scelta consapevole di maternità.

Secondo i dati, la sclerosi multipla colpisce oltre 40mila donne solo in Italia, di cui la maggior parte tra i 20 ed i 40 anni, un’età in cui generalmente il pensiero di un figlio e della maternità si fa sentire più sensibilmente.

Per avere informazioni sull’opuscolo è possibile chiamare il numero 02.23.94.23.91 oppure collegarsi al sito www.aism.it.

gravidanza