Depressione Post Partum: a rischio le mamme over 40

Le mamme over 40 rappresentano la percentuale più a rischio per la cosiddetta depressione post partum che, spesso, colpisce le donne nel periodo immediatamente successivo alla gravidanza e alla nascita del bambino.

A rivelare la statistica è stato un recente studio della University British of Columbia che, prendendo in esame un campione di 8000 donne, ha riscontrato una percentuale maggiore di forti stati di ansia e preoccupazione nelle donne che rimangono incinta dopo aver superato la soglia dei 40 anni.

A spiegare quanto rilevato è stato il dottor Claudio Giorlandino, segretario generale della Società italiana di Diagnosi prenatale e Medicina materno fetale, il quale commentando lo studio della University Britich of Columbia ha dichiarato quanto segue: “l’ansia che una donna quarantenne vive durante la gravidanza è molto forte, e il rischio di cadere in depressione è cinque volte più alto di quello che corre una donna più giovane.”

Ad avvalorare le parole di Giorlandino e i dati rilevati dalla ricerca è anche la consapevolezza che le donne over 40 spesso e volentieri vivono il periodo della gravidanza con molta apprensione e preoccupazione, stati d’animo che dopo la nascita possono trasformarsi in sintomi di depressione post partum.

La mamma arriva infatti “ad essere in stato interessante per la prima volta spesso dopo diversi tentativi andati a male, o comunque dopo un’inseminazione artificiale. Vive la gravidanza con ansia per la salute sia sua sia del bambino. Inoltre, su tre donne ultraquarantenni in stato interessante, che fanno controlli di diagnosi prenatale, una tende a chiedere un numero maggiore di ecografie al feto rispetto a quelle necessarie.

DepressionePostPartum