Alimenti per l'infanzia detraibili: l'elenco

Allevare un bambino non è mai stato facile, men che meno oggi, complice la crisi economica che stiamo vivendo. Ma non tutti sanno che il Ministero della Salute ha stilato una classifica di alimenti per l’infanzia che possono essere detratti dal reddito, a patto che siano prescritti dal medico a scopo curativo.

In tempi di crisi un aiuto, anche se di piccola entità, fa sempre comodo. Del resto lo sappiamo tutti quanto sia faticoso crescere un bambino anche dal punto di vista economico, ma i costi chiaramente lievitano enormemente se si tratta di bambini con problemi particolari come può essere un’insufficienza renale o l’allergia ad alcuni alimenti.

Nella lista del Ministero della Salute che potete comodamente visionare anche qui: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_3667_listaFile_itemName_1_file.pdf troverete moltissimi alimenti, tra cui svariati prodotti dell’Aminò, una linea che propone alimenti a basso contenuto proteico e a ridotto contenuto di sodio, potassio e fosforo per i bambini con insufficienza renale; dell’Aproten, che offre prodotti ipoproteici sempre destinati ai bambini con problemi ai reni. Naturalmente ci sono anche alimenti per bambini intolleranti e allergici.

Ricordate che per ottenere la detrazione è importante allegare lo scontrino alla ricetta specialistica ed è possibile scaricare il 19% dell’importo eccedente i 129,11 euro, considerando l’accumulo complessivo di tutto il nucleo familiare nell’arco dell’intero anno. Non dimenticate, inoltre, che potete detrarre anche le spese mediche sostenute, come ad esempio quelle per l’acquisto di un paio di occhiali, sempre allegando lo scontrino alla prescrizione medica. Per i genitori questa è sicuramente una buona notizia, certo non risolve tutti i problemi, ma almeno è un aiuto.

Alimenti per l'infanzia detraibili: l'elenco

 


Mamma
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica