Tiziano Ferro confessa: ero alcolizzato, volevo morire

-
15/10/2020

Confessione shock di Tiziano Ferro, che racconta le sue fragilità, il suo dolore, i sensi di colpa per la fama, le sue dipendenze fino alla voglia di farla finita con la vita.

723510C9-70ED-44E5-8AC8-05E7391A257F

Tiziano Ferro si confessa. Lo fa a cuore aperto. Lo fa su 7-Corriere della sera, in edicola venerdì 16 ottobre 2020. In una lunga lettera pubblicata dal magazine, il cantautore, oggi felicemente sposato con il suo compagno Victor Allen, si è messo letteralmente a nudo e ha raccontato tutte le sue fragilità, le sue paure, le sue difficoltà ad affrontare la vita e la fama. Per diverso tempo l’alcol è stato il suo compagno di giornata. Era l’unico in grado di “comprendere” il suo stato d’animo. Solo l’alcol gli “dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza”, racconta Ferro, ma “mi portava a voler morire sempre più spesso”.


Leggi anche: Belen si confessa: “Volevo essere la donna perfetta”

Un tunnel senza luce per Tiziano Ferro

Tiziano Ferro Jack

Tiziano si è trovato ad un certo punto a dover affrontare e attraversare un tunnel buio, in fondo al quale non vedeva alcuna luce: “Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso. Pure questo, famoso, mi sembrava un difetto, forse il peggiore“, si sfoga il cantante di Latina, che racconta la sua giovinezza, i problemi di peso, la sofferenza, il suo sentirsi anonimo, il suo essere diventato vittima dei bulli: “I ragazzi mi chiamavano ciccione, femminuccia, sfigato. Aspettavo che qualcuno intervenisse per difendermi, ma non succedeva mai. Vivo perennemente frustrato, incassato e anche umiliato”.

La musica ha salvato Tiziano Ferro

Schermata 2020-02-07 alle 23.21.41

Ma una luce in fondo al tunnel c’è sempre. E questa luce si chiama musica: “Poi ho cantato per la prima volta e il mondo è cambiato“, confessa Tiziano Ferro quasi con un sospiro di sollievo. Ma anche con la musica, con il successo, con la fama, con l’apprezzamento da parte dei suoi fan la felicità era ancora lontana dal far capolino nella sua vita. Perché? Perché dentro di lui c’era un segreto inconfessato e a lungo tempo ritenuto inconfessabile. Il non detto sulla sua omosessualità. Il coming out fatto ormai 10 anni fa lo ha liberato e restituito alla vita. E allora lui ha smesso di bere: “Non bevo perché accetto la vita“.


Potrebbe interessarti: Tiziano Ferro: io e Victor vogliamo un figlio.

Un film su Prime Video

tiziano-ferro-padre

Su Prime video verrà trasmesso “Ferro“, una produzione originale Amazon disponibile su Prime video, appunto, dal 6 novembre, giorno in cui uscirà anche “Accetto miracoli: l’esperienza degli altri“, il primo album di cover di Tiziano Ferro. Nel documentario il cantautore si è messo letteralmente a nudo, attirato fuori tutto se stesso.


TIros
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Design
Suggerisci una modifica