Crisi economica anche per i ricchi?

“Anche i Ricchi Piangono” era il titolo di una famosissima telenovelas degli anni ’80. Ma potrebbe benissimo risultare ben calzante anche in riferimento alla notizia di cui parliamo oggi. Da alcune indagini ad opera di Coldiretti, risulterebbe un inequivocabile calo dei ‘cibi di lusso’, cioè l’abbinamento caviale e champagne. Nei primi sei mesi di questo 2012 infatti, la vendita del prezioso –e costosissimo- champagne francese ha fatto registrare un -21%. Stessa storia per quanto riguarda le uova di storione (o caviale, se preferite): per questo cibo da Re, il calo registrato arriva a toccare addirittura un -37%. Insomma, a leggere questi dati di Coldiretti, la prima spiegazione plausibile per giustificare tali cali, è attribuibile certamente alla famigerata crisi economica che, a questo punto, pare che abbia colpito un po’ tutti. Ma le cause o concause possono essere diverse. Innanzitutto, il fatto che, per gli italiani, si sono ridotte notevolmente le occasioni per ‘festeggiare’ (ovviamente, feste comandate a parte…). Ma –e questa potrebbe risultare l’unica vera nota positiva- a fronte della rinuncia di costose bottiglie di champagne francese e di altrettanto costose scatole di caviale (che solitamente ci arrivano dai paesi dell’est…), ci sarebbe una riscoperta e un nuovo apprezzamento per i prodotti ‘made in Italy’. Per i nostri vini, i nostri spumanti e prosecchi e per il nostro meraviglioso cibo, insomma. E questo fra l’altro, pare che nasca anche dalla profonda consapevolezza di dover sostenere, proprio in questo momento di crisi, l’economia italiana. Ma proprio dalla Coldiretti arriva una piccola nota polemica, una piccola analisi offerta proprio dalla acclarata tendenza a scegliere i prodotti italiani: “Un obiettivo che non sembra essere prioritario per i politici coinvolti dai recenti scandali dove prodotti simbolo del lusso esterofilo sembrano prevalere”.

 

sparkling-champagne