Body Food, in Italia si mangia sulle ragazze-vassoio

Dal Giappone il Body Food sbarca in America e in Europa e adesso anche a Vicenza è possibile gustare l’aperitivo più stuzzicante d’Italia, su un vassoio fatto di pelle, ossa e curve.

La novità assoluta dell’happy hour italiano ha il nome di Body Food, letteralmente Corpo Cibo e consiste nel servire tramezzini, patitine e altre stuzzichini da aperitivo sul corpo di una giovane donna, nel caso specifico di Jennipher, 23 anni di nazionalità ungherese.

È proprio attraverso la ragazza vassoio che l’intraprendente e fantasioso gestore del Diverso Strip Bar di Vicenza, Ruggero Pizzon, attira i propri clienti dalle 19 alle 21, in una fascia oraria inconsueta per lo strip ma decisamente in linea con l’ora dell’aperitivo.

Quindi l’ideale per chi dopo lavoro e prima di tornare a casa, volesse bere un cocktail, rilassarsi tra belle ragazze che scivolano attorno a pali di lap dance, ma soprattutto spizzicare qual cosina servendosi direttamente dall’ombelico di una giovane donna, è il caso di dirlo, servita direttamente su un vassoio.

L’idea di uno Strip Bar fa rizzare le orecchie agli interessati e fa sorridere i più curiosi, ma ovviamente non manca di suscitare immediate polemiche, soprattutto dalla schiera di femministe che a suon di insulti e polemiche hanno già messo un bel bollino rosso sulla nuova iniziativa.

E a nulla serve ribadire che ovviamente, come tiene a precisare il signor Pizzon, è “tutto in regola” e che la ragazza è assolutamente consenziente, regolarmente retribuita per la sua prestazione e anche un po’ divertita… soprattutto perché Jennipher, soffre un po’ il solletico.


Leggi anche: Saldi invernali 2021: date e regioni

food girl ragazze vassoio