Zecchino D’ora, rinviato: tutta colpa di Conti?

Roberta Porti
  • Esperta in Gossip e Soap opera
11/11/2020

Per la prima volta dal 1959 Lo Zecchino d’oro non ci sarà! Il Festival Internazionale della canzone del bambino è stato infatti rimandato al 2021 a causa del Covid-19 ma vediamo nel dettaglio la notizia..

Niente Zecchino d’oro per quest’anno!

4201244-8e8bfe-800×477

Doveva andare in onda in autunno, come di consueto, il famoso e tenero programma che vede come protagonisti i bambini. Il festival della canzone dei più piccoli era stato infatti programmato, sempre su Rai 1, i primi giorni di dicembre con la finale già fissata per il 5. A causa della seconda ondata del Covid-19, decisamente pesante, si è però deciso di annullare l’evento e rinviarlo direttamente al prossimo anno. E’ vero che molte trasmissioni stanno comunque andando avanti prendendo le dovute precauzioni: test molecolari, tamponi rapidi, mascherine, distanziamento, plexiglass etc.. ma avendo Lo Zecchino d’oro come protagonisti i bambini probabilmente la produzione non si è sentita giustamente di esporli ad un rischio che si può tranquillamente evitare rimandando appunto il programma (secondo le indiscrezioni alla prossima primavera, e più precisamente nel mese di maggio).

Rinviato “per colpa” di Carlo Conti?

conti-carlo-serio-fg

Tenendo conto che il direttore artistico del programma è Carlo Conti, non si esclude che ad avvalorare la decisione del rinvio sia stata anche la positività del noto conduttore a Rai al Covid-19; Conti è stato da poco dimesso dall’ospedale e dovrà continuare ad osservare un periodo di isolamento a casa; dunque non potrebbe lavorare al programma.

Come nasce lo Zecchino d’oro

IN-Cino-Tortorella-1200×800

L’intuizione e l’idea di uno spettacolo per bambini che promuovesse la musica a loro dedicata si devono al presentatore Cino Tortorella che pensò ad un Festival per bambini appunto. La trasmissione andò in onda per la prima volta dal 24 al 26 settembre 1959 e due mesi dopo l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite promulgò la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo, una coincidenza significativa.