Valerio Scanu: grave lutto per il cantante

Vito Girelli
  • Esperto in: Moda, Gossip e Reali
25/12/2020

Il cantante sardo Valerio Scanu annuncia il suo lutto per colpa del Covid. Scanu piange la morte del padre 64enne Tonino, il dolore è forte per la famiglia, il padre era ricoverato da più di un mese.

ValeioScanulive

Babbo mio, la gratitudine di essere tuoi figli è molto più forte della morte e del dolore che ora ci sta soffocando. Ti amiamo infinitamenteia

Queste le parole di un commosso e triste Valerio Scanu per la perdita del padre a causa del Covid. Tonino Scanu, 64 anni, era ricoverato al Mater Olbia ormai da circa un mese e mezzo e le preoccupazioni più funeste dei familiari purtroppo si sono realizzate. Tonino non è arrivato a festeggiare il Natale con la famiglia.

Il messaggio di Valerio su Instagram

WhatsApp Image 2020-12-24 at 16.25.35

Dopo giorni di silenzio, il cantante non è riuscito a non sfogarsi pubblicamente. Un post Instagram, denso di significato e commozione, firmato dai tre figli di Tonino è apparso poche ore fa sul profilo di Valerio.

Ho sempre visto mio Babbo come Highlander… la persona più buona ma anche più forte del mondo… l’uomo che in ogni situazione sapeva prendere le redini e gestirla al meglio, anche le più drammatiche

Nel post si legge tutta la vicenda, da come è iniziata sino al saluto che Valerio ha voluto rivolgere al padre, rassicurandolo che l’affetto che provano per lui sarà più forte del dolore. Nel post si legge anche un sentito ringraziamento ai medici dell’ospedale che sono stati, a detta di Valerio, impeccabili, dei veri eroi:

Devo fare dei doverosi ringraziamenti a tutto lo staff medico e infermieristico del Mater Olbia che in questo periodo ha sempre avuto cura di Babbo e coi quali mi sentivo per i quotidiani aggiornamenti… siete stati, comunque, i miei grandi Eroi

Non è stato organizzato un funerale pubblico per Tonino Scanu perchè Valerio ritiene che non può permettere che altre persone provino il dolore provato da lui e la sua famiglia. Scelta molto saggia e consapevole che ci rende ancor più vicini alla famiglia Scanu e a tutte le famiglie che questo Natale, più di altri anni, sentiranno la mancanza di un posto a tavola.