Uomini e donne: cesareo d’urgenza per Cecilia Zagarrigo, il racconto

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
07/08/2022

L’ex corteggiatrice di Uomini e donne Cecilia Zagarrigo lo scorso 30 luglio ha dato alla luce la piccola Mia. Sui social ha svelato ai fan che il parto è stato lungo e travagliato e che in ospedale i medici le hanno fatto l’induzione in quanto non arrivavano le contrazioni. Ecco cosa ha svelato.

cecilia-zagarrigo-

Lo scorso 30 luglio la ex corteggiatrice di Uomini e donne Cecilia Zagarrigo ha svelato di essere diventata mamma della piccola Mia, sua primogenita. Tuttavia il parto non è stato per niente semplice e Cecilia ha spiegato che una volta arrivata in ospedale i medici le hanno fatto l’induzione poiché non arrivavano le contrazioni.

Nonostante questo l’intervento non ha funzionato e la ex corteggiatrice del dating show di Maria De Filippi è stata costretta a sottoporsi a un parto cesareo d’urgenza per evitare brutte complicazioni a danno suo e di sua figlia. Sulle sue Stories su Instagram ha spiegato:

È stato un parto difficile – ha spiegato l’ex volto di UeD -. È iniziato tutto giovedì scorso. Mi hanno fatto l’induzione e durante l’induzione diciamo che non succedeva niente. Dopodiché, dopo tutta la giornata di giovedì, non ho fatto altro che sperare che partissero le contrazioni quelle vere. Sono stata sei ore in sala parto.

Uomini e donne: Cecilia Zagarrigo svela le complicazioni del parto cesareo, come sta?

IN-Cecilia-Zagarrigo-1200×800

Un parto molto difficile ma alla fine tutto è andato per il meglio per la ex corteggiatrice, che ha spiegato:

Dopo otto ore passate lì dentro – ha raccontato la stessa Zagarrigo -, il mio ginecologo ha deciso di fare un cesareo d’urgenza. Non per la bambina, perché lei continuava a stare benissimo, ma per la mamma perché ero veramente molto stanca e non ascoltavo e non capivo più niente

Infine Cecilia Zagarrigo ha aggiunto:

Sono stata sei ore in sala parto. Moreno, a un certo punto, mentre cercavo di distrarmi con l’ostetrica, non lo sento più. Mi giro, lo vedo rannicchiato su una poltrona e lo sento russare. Allora gli ho detto: “Amore, anche io sono molto stanca. Però reggiamo un attimo. Cioè, russare in sala parto.