Striscia la Notizia: Mingo condannato per truffa

Roberta Porti
  • Scrittore e Blogger
15/12/2020

L’ex inviato di Striscia la Notizia è stato condannato con l’accusa di aver prodotto servizi falsi e per aver diffamato lo storico tg satirico firmato Mediaset.

Accusato-di-falso-Mingo-di-Striscia-la-Notizia-min

Il Tribunale di Bari ha condannato a 1 anno e 2 mesi Domenico De Pasquale, in arte Mingo, con l’accusa di truffa e diffamazione; l’ex inviato di Striscia la Notizia avrebbe prodotto servizi falsi con tanto di attori. Anche la moglie sarebbe stata condannata sempre per lo stesso motivo.

Mingo condannato!

Fabio-Mingo-Ftg

L’accusa rivolta a Mingo come anticipato è quella di truffa; l’ex inviato di Striscia la Notizia avrebbe infatti prodotto tra il 2012 e il 2013 diversi servizi falsi con tanto di attori pagati.
Inoltre Mingo avrebbe affermato nel 2015 che le notizie erano state commissionate dalla produzione, cosa non vera e che gli è valsa anche l’accusa di diffamazione.
Mediaset ed i collaboratori del programma si sono perciò costituiti parte civile nel processo; a loro Mingo dovrà pagare una provvisionale di 5.000 euro.
Secondo poi quanto affermato dal Pubblico Ministero Luisiana Di Vittorio, l’altro inviato e storico compagno di Mingo Fabio De Nunzio, era completamente all’oscuro di quanto commesso dal collega.


Leggi anche: Striscia: Mingo non ci sta, ricorrerà in appello

Anche per la moglie di Mingo è arrivata una pesante condanna

striscia-la-notizia

Mingo però non faceva tutto da solo, secondo le indagini infatti poteva contare sull’appoggio della moglie.
Per questo la donna è stata a sua volta condannata per truffa e falso. Corinna Martino, questo il suo nome, avrebbe denunciato lo smarrimento della patente e delle carte di credito che sarebbero state utilizzate per noleggiare un’auto che gli serviva in uno dei servizi incriminati.
Nel 2015 la produzione scoprì la truffa e così licenziò su due piedi l’inviato, ora è arrivata la condanna.