Reali: polemiche e rivolte contro la Regina

Questo Natale sarà diverso per tutti, famiglia reale compresa. La regina Elisabetta trascorrerà le festività con suo marito, il principe Filippo. Per la prima volta si recherà, come la tradizione vuole, a Sandrigham, dove lo staff è in netta protesta contro sua maestà.

SandringhamHouseOstseite

Lo staff della residenza di Sandrigham della regina Elisabetta è in netta rivolta. I dipendenti dello staff a causa dell’emergenza coronavirus, oltre ad essere stati ridotti all’osso, sono stati costretti per oltre un mese all’isolamento.

La furia di sua Maestà

150536993-9f0c22e6-9e87-434e-b2e6-14afc3bca3e6

I dipendenti di Sandrigham non vedono da oltre un mese le proprie famiglie, per l’arrivo della regina Elisabetta il giorno di Natale. La regina per ragioni di sicurezza non andrà più a Sandrigham, ma ai dipendenti non sarebbe comunque stato concesso di lasciare la residenza per far visita ai parenti.


Leggi anche: Elisabetta II pazzesca: albero di Natale da sogno

Questo ha fatto infuriare lo staff, costringendo alle dimissioni la governante Patricia Earl. Le proteste nel corso dei giorni non sono diminuite così la sovrana ha deciso di cedere alle richieste della servitù.

Lei arriverà alla residenza verso la metà di dicembre portandosi dietro pochi collaboratori di Windsor. Immancabile la dresser e la confidente Angela Kelly. Queste sono le due figure di cui la regina non può fare a meno.

L’ombra sulla regina

x5648673-0850-regina3.jpg.pagespeed.ic.vFcjEJ-1cm

Dopo l’accordo con la servitù, la regina repentinamente ha annullato il suo soggiorno a Sandrigham. Questo ha gettato un’ ombra sulla credibilità di Elisabetta II. La reclusione da Marzo a Windsor e le voci del trono di Carlo, fanno tremare la corona.

Si pensa che alcune delle proteste dello staff abbiano preso piede proprio perché la sovrana è meno presente nelle vicissitudini della famiglia reale.


Stefania Bastianucci
Esperta in: Programmi tv, Talk Show e Gossip
Suggerisci una modifica