Raffaella Carrá insultata sul murale

Un gesto triste e inaccettabile quello avvenuto a Barcellona, in cui c’è un murale in onore della Carrà. La regina della televisione italiana è scomparsa da poco e il mondo ancora piange la sua morte. Eppure, c’è chi ha voluto compiere un insensato atto vandalico.

1625499543143-RAFFAELLA-CARRa-3

Raffaella Carrà è scomparsa il 5 luglio 2021, lasciando un grande vuoto non solo in Italia ma nel resto dell’Europa (e del mondo).

L’artista italiana, che ha segnato la storia televisiva ma anche artistica e culturale del Bel Paese, era particolarmente amata anche in Spagna e la cosa era reciproca.

Infatti, Raffaella Carrà amava visitare i territori spagnoli e passare nel Paese un po’ del suo tempo. Alla morte della Carrà, tante sono state le iniziative per rendere omaggio all’amatissima artista.

La Carrà, lo si sa, è poi sempre stata considerata un’icona per la comunità LGBTQIA+ e il suo modo di essere è diventato d’ispirazione per tanti. Però, il fatto che la Carrà sia un’icona LGBTQIA+ fa sì che chi, purtroppo, la pensa in un certo modo, si scagli anche “contro” l’artista.


Leggi anche: Raffaella Carrà: corteo, camera ardente e funerali

Imbrattato il murale dedicato alla Carrà con frasi omofobe

Raffaella-Carra-Meteoweek-3

Diversi profili di persone spagnole, hanno pubblicato su Instagram e diversi altri social lo scempio avvenuto a Barcellona. Una grave offesa, un atto di non rispetto per la memoria di un’artista tanto amata, solare, genuina, come la Carrà.

Le foto e i video pubblicati, infatti, mostrano un murale dedicato a Raffaella Carrà – che era stato, appunto – realizzato a Barcellona, completamente imbrattato con delle frasi omofobe.

0007B5C1-D8D0-4251-84A3-C26C6C144933

Un arto vandalico, un gesto di cattivissimo gusto, che fortunatamente è stato “denunciato” dai più, che l’hanno descritto come indecente.

Lo sdegno sui social, in cui le foto e i video hanno immediatamente fatto il giro, può sicuramente “attutire” il fatto, facendo sperare che, fortunatamente, siano più le persone che condannano gesti simili piuttosto che coloro che questi gesti scelgono di compierli.