Pomeriggio 5, padre assume un sicario: “preferivo un figlio normale”

Stefania Bastianucci
  • Esperta in: Programmi tv, Talk Show e Gossip
21/12/2020

Qualche giorno fa, è stato ospite da Barbara D’Urso, un noto chirurgo di Torino, che ha raccontato la sua particolare storia, caratterizzata dall’omofobia. Il padre, una volta scoperto l’omosessualità del figlio, ha assoldato un sicario per rovinargli la vita. Quest’ultimo aveva il compito di spezzare tutte le dita al figlio che di professione fa il chirurgo.

100002109-BRAND-1-brand-cover-320×184@3

Continuano le storie agghiaccianti riguardanti l’omosessualità. Questa volta siamo a Torino dove un padre ha scoperto che suo figlio, noto chirurgo dell’ospedale di Torino, è omosessuale. Non tollerando l’orientamento sessuale del figlio, cerca di rovinargli vita e carriera assumendo un sicario per spezzargli le dita.

Paga un sicario per pestare il figlio

BB1c0KYh

Il padre è venuto a conoscenza dell’omosessualità del figlio a causa di alcune foto, uscite su un giornale di gossip, che lo ritraevano insieme ad un attore molto famoso, dichiarato gay qualche anno fa. I due stavano pranzando nei pressi della Costa Azzurra.

A scatenare l’ira del genitore è stato il vicino di casa che, una volta viste le foto, ha contattato subito il padre, che come prima cosa ha picchiato e mandato in ospedale il compagno del figlio e come seconda ha contattato un sicario per cercare di distruggere la vita dell’uomo.

Un giorno, però, uscendo dallo studio, il chirurgo viene affiancato da una persona che gli confessa che il padre lo ha pagato per spezzargli tutte le dita. Il sicario spiega alla vittima che lo ha pedinato per tre settimane. Dopo una lunga discussione, il figlio e il sicario si mettono d’accordo e inscenano una finta aggressione.

Le dichiarazioni del padre

105337-ppl

Barbara D’Urso, incredibilmente è riuscita a trovare il padre e il suo staff lo ha rintracciato e raggiunto telefonicamente. Il padre ha dichiarato che il figlio è un uomo disonesto e afferma che avrebbe preferito un figlio “normale” e non omosessuale.