Pomeriggio 5, nuove restrizioni: Italia in zona rossa

Stefania Bastianucci
  • Esperta in: Programmi tv, Talk Show e Gossip
19/12/2020

Barbara D’Urso conduttrice di Pomeriggio 5, cerca di fare chiarezza su come dovranno comportarsi gli italiani durante le prossime feste natalizie. Sempre più probabile l’ipotesi di una zona rossa a livello nazionale.

100002109-BRAND-1-brand-cover-320×184@3

Italia verso la zona rossa, l’ipotesi di una chiusura totale nei giorni festivi prende forma. A Pomeriggio 5, l’inviata di Barbara D’Urso fuori da Palazzo Chigi, riporta alcune novità importanti in attesa del nuovo DPCM.

I giorni “rossi” degli italiani

Pomeriggio-5-lockdown-a-Natale-ultime-news

Non è stato ancora annunciata da Conte la nuova regolamentazione per gli spostamenti durante le feste natalizie. La certezza è saranno attuate forti restrizioni.  Il calendario dei giorni rossi potrebbe essere questo: dal 24 al 27 dicembre e dal 31 al 3 gennaio saranno vietati gli spostamenti e le attività commerciali saranno chiuse.

In questi giorni sono vietati ogni tipo di spostamento anche all’interno del comune, saranno celebrate le messe. I pranzi e le cene natalizie permesse solo tra conviventi.


Leggi anche: Live! Non è la D’Urso: svelati gli ultimi giorni di Paolo Rossi

Le dichiarazioni di Decaro

640×360-C-2-video-1173941-videoThumbnail

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro presidente dell’associazione dei comuni italiani, in diretta con Pomeriggio 5 riporta ciò che gli è stato appena comunicato dal governo. Decaro dichiara che ci saranno 8 giorni di chiusura totale. 

Le ipotesi del governo sarebbero due, una chiusura totale dal 24 dicembre al 6 gennaio, oppure predisporre come giorni rossi solo i festivi e i  prefestivi, lasciando gialli gli altri giorni. L’ipotesi che più sembra probabile è quella delle chiusure nei giorni festivi e prefestivi, ma non è da escludere la possibilità di una misura più stringente.

In entrambi i casi la decisione sarà presa sulla base della proiezione relativa alla terza ondata di contagi, predisposta dalle autorità sanitarie nazionali.