Maneskin: il commento di Pippo Baudo

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
09/08/2021

Anche Pippo Baudo ha commentato i Maneskin e il percorso che la band sta facendo, dalla vittoria dell’ultima edizione del Festival di Sanremo a quella all’Eurovision Song Contest, che ha fatto conquistare loro un enorme successo. Ecco cosa ne pensa il conduttore della band.

Schermata 2021-08-09 alle 12.20.34

In una recente intervista al Corriere della Sera, Pippo Baudo ha parlato della rivoluzione musicale che negli ultimi anni, grazie ad Amadeus, il Festival di Sanremo sta vivendo. Alcune delle scelte del collega, infatti, sono state, almeno all’inizio, molto impopolari ma poi si sono rivelate vincenti!

Uno dei simboli di questo profondo cambiamento messo in atto dall’uomo è l’apertura verso i giovani, manifestata soprattutto dalla vittoria dei Maneskin, che con “Zitti e buoni” si sono poi aggiudicati anche l’Eurovision Song Contest.

Proprio in merito alla band romana, così, Pippo Baudo ha voluto dire la sua. Cosa ne pensa l’uomo dei 4 giovanissimi artisti?

Maneskin: cosa ne pensa Pippo Baudo

maneskin-al-campidoglio

Nella sua recente intervista al Corriere della Sera Pippo Baudo ha parlato della musica in generale, di Sanremo e dei più recenti vincitori del Festival: i Maneskin.

“Sono divertenti, scatenati, bravi. Ma molto diversi dal genere di musica che ascolto io, però interessanti”.

ha detto l’uomo sul gruppo, che in America in questi giorni ha dato vita ad una collaborazione con Iggy Pop rivisitando il singolo “I wanna be your slave”.

Baudo, però, ha voluto anche commentare Amadeus, che per la terza volta condurrà il Festival.

“Voglio bene a Amadeus, se lo merita. Quando lo avevano chiamato la prima volta era venuto a chiedere consigli e glielo avevo detto subito: ‘Fallo assolutamente’. Ha fatto due bei festival, ora è a quota tre, chissà se arriverà al tredicesimo, come il sottoscritto”.

ha specificato, sottolineando il suo attaccamento alla kermesse canora! E voi cosa ne pensate dei Maneskin, di Amadeus e di Baudo?