Luca Argentero polemico: “è una sofforenza”

-
20/11/2020

Luca Argentero ha commentato sui social la decisione della Rai di dividere la sua serie in episodi da 50 minuti, notizia che ha spiazzato i fan della serie e lo stesso protagonista.

La Rai a corto di programmi?

luca-argentero-Doc-Nelle-tue-mani-rai1-rai-1-rai-uno-doc-nelle-tue-mani-luca-argentero

Ormai si è giunti alla fine di questa nuova serie di successo e i telespettatori non vedono l’ora di scoprire come finirà ma andiamo con ordine.
Doc – nelle tue mani” ha riscosso infatti molto successo ma sembra che la Rai svelerà il finale “un pò alla volta”. Sarebbe infatti stato deciso di dividere le puntate che restano in pillole da meno di un’ora l’una, e mandarne in onda una alla settimana, un’agonia insomma.

Il motivo? Pare che a causa della pandemia la Rai sia a corto di nuovi programmi e non abbia quindi abbastanza materiale per riempire l’intero palinsesto.


Leggi anche: Luca Argentero e Cristina, schifati: agiremo legalmente

Lo sfogo di Luca Argentero

Chi Siamo

Il commento di Luca Argentero a riguardo non si è fatto attendere e, intervistato da Fanpage avrebbe detto:

“Non è facile mettersi nei panni di chi poi deve gestire un palinsesto. Non mi permetto di giudicarlo. Mi dispiace solo perché io, come tanti affezionati telespettatori, siamo divoratori di serie. Centellinare puntate da 50 minuti, una a settimana, passami il termine, è una sofferenza.”

Argentero vuole vedere però anche il lato positivo, potrebbe essere un modo per molti di rimettersi in pari approfittando per rivedere la serie su RaiPlay. Per quanto riguarda una possibile seconda stagione Luca rivela:

“Non ne ho la più pallida idea. Non mi hanno detto niente. È vero eh, non lo sto dicendo per dire. Io non so niente.”

Luca e Beppe rivali?

beppe-fiorello

In merito alle frecciatine via social avute con il collega Beppe Fiorello, protagonista della nuova fiction Gli orologi del diavolo sempre in onda su Rai 1, Luca avrebbe così minimizzato:

“Penso che sia sinonimo di grande passione per il proprio lavoro, quando uno sostiene, difende o giustifica delle scelte. Nel mio caso, come nel caso di Beppe c’è grande passione rispetto a quello che facciamo, grande attaccamento rispetto alle storie che portiamo. Magari uno si lascia prendere dall’entusiasmo e dice una parola in più invece che una in meno. Beppe è una persona che stimo, che conosco e con cui ovviamente ci siamo sentiti e ci siamo fatti una risata sopra rispetto a tutto il casino che si era creato per due battutine innocenti“.


Potrebbe interessarti: Luca Argentero: Il direttore di Oggi risposta al vetriolo

Bravi, il fair play prima di tutto!


Roby
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Design
Suggerisci una modifica