Ilary Blasi: furiosa attacca il settimanale”Gente”

-
25/08/2020

Dopo le recenti foto pubblicate dal settimanale “Gente”, in cui il lato B della figlia minorenne di Ilary e Totti è stato sbattuto in prima pagina, mamma Ilary e papà Francesco si sono scagliati contro il direttore della rivista!

totti-ilary-figlia1-1200×675

Qualche giorno fa è uscito “Gente“, famoso settimanale di gossip. Da subito, però, in molti hanno notato che in copertina c’era qualcosa che non tornava. La prima pagina, infatti, era presa da uno scatto di Francesco Totti insieme a Chanel, figlia 13enne avuta dal matrimonio con Ilary Blasi.

La ragazzina, di spalle, è al mare insieme al papà. Ma, nonostante il giornale si sia preso la briga di pixellare gli occhi della minore, a nessuno è venuto in mente di oscurare anche il lato B della tredicenne.

Come se questo non bastasse, poi, nell’articolo si parla della somiglianza di Chanel con Ilary, con chiari riferimenti al fisico della ragazza e alle sue forme. Subito, quindi, il popolo del web ha marchiato gli scatti come volgari e inopportuni. E, tra tweet e commenti, si è scatenata una vera e propria tempesta contro il settimanale.


Leggi anche: Le foto hot di Ilary Blasi su GQ

Nelle ultime ore, poi, a scendere in campo sono stati anche Ilary e Francesco Totti.

Ilary e Francesco: le accuse al direttore del settimanale

Schermata 2020-08-24 alle 12.37.45

La copertina ha suscitato così tante polemiche e indignazioni da aver tirato in ballo la Carta di Treviso, il codice deontologico che disciplina i rapporti tra bambini e stampa.

Nelle ultime ore, quindi, anche i genitori di Chanel hanno deciso di dire la loro. Tramite un lungo, identico post su Instagram, la coppia ha dedicato un lungo sfogo a Monica Mosca, direttrice del magazine!

“Ringrazio il direttore Monica Mosca per la sensibilità dimostrata mettendo in copertina il lato B di mia figlia minorenne senza curarsi del problema sempre più evidente della sessualizzazione e mercificazione del corpo delle adolescenti.” hanno scritto i due, indignati.

E se, almeno per ora, dal giornale non sono arrivate repliche, ad intervenire nella questione è stato anche il Telefono Azzurro che, su Twitter, ha condiviso la dura condanna verso il mondo dell’informazione.


Arianna
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Design
Suggerisci una modifica