Harry e Meghan approdano su Spotify

Vito Girelli
  • Esperto in: Moda, Gossip e Reali
30/12/2020

Harry e Meghan fanno il loro ingresso anche su Spotify, registrando il loro primo podcast. Il tema scelto è: cosa si può imparare durante una pandemia? 

Harry

Harry e Meghan arrivano anche su Spotify, inaugurando alla fine del 2020 la loro serie di podcast intitolata Archewell Audio, omaggio al loro primogenito il piccolo Archie. L’accordo stretto con il leader dello streaming audio è, secondo quanto affermato dal Daily Mirror, di circa 30 milioni di sterline. 

Il primo podcast è durato 33 minuti, parlando di quello che la pandemia globale ha insegnato ai reali e ai loro ospiti. Dolce augurio di Archie di un buon anno nuovo è la ciliegina sulla torta di una serie di podcast che si prospettano molto interessanti.

Archewell Audio: di cosa si è parlato

skynews-meghan-harry-duchess-of-sussex-4938744

Il podcast, della durata di poco più di una mezz’oretta, ha visto la partecipazione di numerose personalità di spicco della politica e dell’intrattenimento: la democratica Stacey Abrams, la tennista Naomi Osaka, il regista Tyler Perry e persino il rocketman Sir Elton Jhon. 

Il principe Harry e Meghan mostrano commozione e rispetto quando le tematiche scendono nella parte più delicata, parlando delle morti e delle gravi perdite Harry e Meghan affermano:

“Vogliamo rendere omaggio alla compassione e alla gentilezza che hanno aiutato così tante persone a superare quest’anno. Dice in apertura Harry. E allo stesso tempo, vogliamo onorare coloro che hanno vissuto incertezze e perdite inimmaginabili”, aggiunge la Duchessa.”

Nonostante le tematiche affrontate, il peso di alcune personalità di spicco intervenute nello show di Spotify, i Tabloid inglesi hanno sintonizzato la loro attenzione su un dettaglio che solo i più “inglesi” avrebbero notato: l’accento di Archie è squisitamente americano. Frecciatina dalla punta infuocata questa per i due genitori, scoccata proprio mentre si vocifera di una richiesta di proroga dei patrocini reali. 

Se non l’avete ascoltato vi consigliamo di farlo, anche solo per deliziarvi della soffice voce di Archie che vi augura un buon anno.