Gigi Proietti: il medico lo racconta così

Roberta Porti
  • Esperta in Gossip e Soap opera
04/11/2020

A pochi giorni dalla morte del celebre attore romano, parla il medico che ha seguito Gigi Proietti e racconta come è morto il mattatore della televisione italiana.

“Proietti ironico fino alla fine”

images

Fabrizio Lucherini, medico radiologo di Gigi Proietti, racconta gli ultimi giorni di vita dell’amatissimo attore romano e di come l’umorismo non lo abbia mai abbandonato, nemmeno gli ultimi istanti di vita:

Quando gli ho fatto la tac, pochi giorni fa, ironizzava sulle sue condizioni: ‘Come vado? Je la faccio?’, chiedeva. Non l’ho mai percepito ansioso e preoccupato. Era lui, è sempre stato lui. Da anni era un cardiopatico grave ed è venuto qui il 17 ottobre scorso già in condizioni preoccupanti. Anche diversi anni fa per motivi analoghi, aveva avuto un ricovero, ma questa volta era diverso” inizia così la dichiarazione del dottor Lucherini che continua “Il problema di un cuore che non funziona bene crea uno scompenso su tutto il resto, dando il via a patologie multiorgano. Negli ultimi giorni si è aggravato moltissimo. Gli ho fatto la tac che era ancora lucido, ma c’erano davvero troppe complicanze”.

Il ricordo del medico

images (1)

Gigi Proietti si è spento il 2 novembre scorso, nel giorno del suo 80esimo compleanno. Il medico commosso lo ricorda così “Di lui conservo ancora un ricordo di qualche anno fa quando con la squadra di calcetto avevamo vinto una coppa e andammo a festeggiare nel suo ristorante preferito. Lui era lì con delle persone, lo abbiamo chiamato al tavolo per un brindisi ed è rimasto con noi al tavolo. Uno di noi, divertente, umile. Abbiamo perso forse il più grande attore di tutti i tempi, io una folla come quella di questa mattina qui in clinica non l’ho mai vista per nessuno”. Il vuoto lasciato da Proietti è incolmabile, da tutti viene ricordato con immensa stima e profondo affetto; Gigi era un artista davvero unico.