Ennio Morricone: addio al maestro, funerali privati

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
08/07/2020

Grave lutto nel mondo dello spettacolo per la morte del compositore Ennio Morricone. Il maestro aveva 91 e se ne è andato per le conseguenze riportate in seguito ad una brutta caduta ma in grande stile.

ennio-morricone-1024×575

Due premi Oscar per il musicista, uno onorario nel 2007 e uno nel 2016 per “The Hateful Eight”. La sue musiche sono state le colonne sonore di alcuni dei film di maggiore successo. Tra le sue più  famose e durature collaborazioni quella con Sergio Leone, compagno di scuola e amico sin dalle elementari.

Ennio Morricone: funerali per “non disturbare”

Screenshot-2020-07-06-a-morricone-jpg-immagine-JPEG-770-×-400-pixel-650×412

Tra i suoi successi per il cinema italiano e mondiale si ricordano le musiche di “Per un pugno di dollari”, “Mission”, “C’era una volta in America”, “Nuovo cinema Paradiso” e molte altre. Qualche giorno fa si era rotto il femore e soli pochi giorni dopo si è spento nella clinica romana del Campus Biomedico che lo ospitava in cura.

La famiglia ha divulgato una nota in cui ha spiegato che i funerali si sarebbero tenuti in forma privata “nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato gli atti della sua esistenza“. La nota racconta anche di come Ennio abbia conservato fino all’ultimo grande lucidità e dignità.

In pochi minuti la notizia della morte di Morricone ha fatto il giro del mondo e sono stati moltissimi, italiani e non solo, a ricordare con amore e affetto il maestro. Centinaia i post, commenti e video sul web che ricordano l’eccezionalità del compianto Ennio.

Il suo necrologio: la sua ultima composizione

ennio-morricone-maria-900×600

Ennio, da uomo straordinario quale era, ha deciso di scrivere il suo stesso necrologio. “Io Ennio Morricone sono morto” comincia il testo scritto dal musicista, ritrovato dalla famiglia poco dopo la morte. Il compositore annuncia la sua stessa dipartita salutando poi tutti gli amici di una vita, in particolare Giuseppe Tornatore.

Poi dice addio ai figli che “spero che comprendano quanto li ho amati“, dice. Ma il saluto più struggente è quello rivolto alla moglie. “A Lei rinnovo l’amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare. A Lei il più doloroso addio“.

Che tu possa riposare in pace Ennio!