Domenica In: Lucarelli delusa dal risultato di Ballando

Arianna Preciballe
  • Dott. in Fashion Design
23/11/2020

Nella puntata di ieri di Domenica In sono intervenuti i protagonisti di Ballando con le Stelle, concluso sabato sera. Non solo i ballerini ma i giudici e, in particolare, Selvaggia Lucarelli sembra non aver gradito l’esito del programma.

massimo-giletti-contro-selvaggia-lucarelli-ballando-con-le-stelle-selvaggia-lucarelli

Selvaggia Lucarelli è nella giuria di Ballando con le Stelle ormai dal 2016. La giornalista, infatti, ci ha accompagnato anche per questa quindicesima edizione del reality.

Chiaramente nemmeno quest’anno sono mancati scontri, litigi e frecciatine tra i concorrenti e la giuria e la puntata di sabato scorso, che è stata la finale, ha lasciato scontenti in molti. 

In particolare il podio non ha soddisfatto i gusti della Lucarelli che, ospite ieri a Domenica In, ha contestato la classifica prendendosela con il pubblico e non solo…

Selvaggia Lucarelli: “Il pubblico? Fa scemenze!”

foto-selvaggia-lucarelli-1024×576

E’ stato Gilles Rocca, nonostante le iniziali difficoltà, a vincere. L’attore, affiancato da Lucrezia Lando, ha battuto all’ultimo la coppia formata da Paolo Conticini e Veera Kinnunen. Anche il terzo posto, però, ha lasciato scontenta Selvaggia.

Nonostante sia stata “abbandonata” dal suo maestro a causa del Covid, infatti, è stata Alessandra Mussolini ad aggiudicarsi la medaglia di bronzo!

La Lucarelli ha trovato la cosa ingiusta. Lei, infatti, avrebbe preferito vedere nei primi tre posti Daniele Scardina o Tullio Solenghi. Così, interpellata da Mara, ha commentato: “Non mi piace la classifica, il pubblico fa scemenze.”

Alessandra, in collegamento, le ha invece dedicato la coppa del terzo posto ma lei è stata irremovibile anche sull’ex parlamentare: “Ha ballato sempre bene, ma è tutto il resto che non va “ha detto.

Il ‘tesoretto’ assegnatole da Rossella Erra, poi, secondo la giornalista non andava a lei. Insomma, nulla è andato come sperava e così, per farsi passare l’arrabbiatura, dovrà aspettare l’anno prossimo.