Barbara D’Urso e il flirt con Filippo Nardi: finalmente la verità

-
14/04/2020

Filippo Nardi, opinionista dei programmi di Barbara D’Urso, durante un’intervista su Radio Radio, ha svelato la verità sul suo firt con Barbara D’Urso.

filippo nardi


L’ex gieffino è intervenuto alla trasmissione  “Non succederà più”  di Radio Radio ha raccontato del timore di avere il Covid-19 e ha chiarito i suoi rapporti con la Regina dei Salotti, Barbara D’Urso.

Storia d’amore con Barbara D’Urso?

nardi e barbara

Filippo Nardi  ai microfoni di Radio Radio toglie ogni dubbio su un possibile flirt con Barbara D’Urso: “Fra me e Barbara non c’è stato nulla, nemmeno un bacio. L’ex gieffino ed opinionista ha spiegato che con Barbara hanno parlato sì di come entrambi avrebbero voluto un rapporto, ma che non parlavano del loro insieme. “Io ho detto che vorrei convivere con la persona con cui sto insieme, avere una quotidianità perché non mi è mai successo. Lei ha detto che non ci pensa neanche e ci siamo messi a scherzare”.

Ha poi aggiunto che Barbara sarebbe una compagna molto difficile, che la stima e ammira ma assolutamente non la corteggia. “Siamo usciti qualche volta insieme, ci siamo fatti delle grandi risate. Se trova domani l’uomo della sua vita io sono felice per lei, non sono invidioso”.

Per Filippo sintomi del Coronavirus, ma niente tampone

nardi

Ha raccontato che aveva tutti i sintomi del Covid-19: febbre a 39, assenza di appetito, di olfatto e di gusto. All’inizio pensava che i dolori alle articolazioni fossero dovuti agli sforzi, ma la febbre a 39 è stata il campanello d’allarme:

Io sto a letto a dormire, senza appetito, senza olfatto e senza gusto per una settimana intera. Avevo una gran sete, ma non avevo fame. Ho telefonato alla guardia medica per tre giorni di fila chiedendo cosa dovessi fare. Non sono andato in ospedale, ho seguito le regole. Mi hanno chiesto se avessi mal di gola, ho detto no e mi hanno detto di stare a casa, di chiamare se peggioravo

Dopo due giorni è peggiorato e ha chiamato di nuovo al numero d’emergenza, ma ancora nessun tampone:

Mi hanno fatto capire che in quel periodo non sapevano nemmeno loro come fare. Da me non è mai venuto nessuno, non mi è stato detto dove fare il tampone. Io ho chiesto se venivano a casa, a chi dovevo rivolgermi. Mi hanno detto di no, erano vaghi, non sapevano come rispondermi

E poi è guarito da solo: la polmonite, fortunatamente non è apparsa e le sue condizioni sono man mano migliorate. Chissà se si trattava di Covid-19 o di una influenza…


Francesca
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Design
Suggerisci una modifica