Arisa rivela: “Ho paura della fine dell’amore”

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
18/08/2022

La nota cantante italiana Arisa attraverso una lunga e sincera intervista si racconta sulle pagine di Oggi, svelando molto di sè, dalla fine della breve relazione con Vito Coppola, piuttosto sofferta, fino al desiderio di avere un figlio, pur essendo di nuovo single.

arisa-2

Intervistata dal settimanale Oggi Arisa ha parlato della sua recente storia d’amore con il ballerino Vito Coppola. I due si sono conosciuti a Ballando con le stelle, dove hanno vinto insieme. Poi c’è stata una breve storia d’amore, ora conclusasi. A riguardo Arisa ha spiegato:

Sono in convalescenza, dopo l’ultima storia. Ho capito che devo avere a che fare con persone della mia età, è difficile relazionarsi con chi è più piccolo. Non sempre mi sono presa cura dell’altro, in questo ultimo amore l’ho fatto e non ha pagato. Bisogna trovare l’equilibrio giusto, in cui sei amata tanto quanto ami.

Arisa ha poi aggiunto:

Ho sempre avuto rapporti sbilanciati. Io ci rinuncio all’amore. Lo dico a malincuore, ci soffro, perché da piccola ho sempre sognato l’amore. A un certo punto noi donne sentiamo il desiderio della maternità, e diventiamo la mamma del nostro uomo. Lo vivo come un sentimento prezioso, e poi capisco che per gli altri sei una vecchia che vuole fare la mamma.

Arisa rivela: il desiderio di diventare mamma è più forte di tutto?

Arisa-e-Vito-Coppola
Infine, Arisa ha svelato di avvertire un forte desiderio di maternità. Tuttavia è stata molto ferita da queste esperienze amorose rivelatesi sempre fallimentari. Così sta pensando a diventare una madre single:

Penso sarebbe meglio che affrontassi questa cosa da sola, piuttosto che con un compagno. Perché ho paura dell’amore che finisce, per me l’amore è davvero per sempre. Mi fa impazzire l’idea della morte, della fine di un rapporto, che i miei genitori possano andare via. Fossi più spensierata, avrei un compagno, dei figli. Neanche stare con le donne sarebbe una soluzione, e dire che ho iniziato a battermi per i diritti nel 2010, quando non era di moda. Capita che alcune ragazze mi facciano capire che vorrebbero qualcosa di più, a me però piacciono gli uomini