Chirurgia Estetica: pentiti e felici?

Fino a poco tempo fa, la ‘moda’ del ritocco era in gran voga, soprattutto tra i vip. Ma oggi, pare che si stiano invece moltiplicando i commenti dei ‘pentiti’, coloro cioè che pur essendosi avvalsi della chirurgia estetica, a distanza di tempo non si sentono soddisfatti del risultato. Un vero e proprio fenomeno, a quanto dichiara Giulio Basoccu, chirurgo estetico responsabile della Divisione di Chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva dell’Istituto Neurotramautologico Italiano (Ini): “il fenomeno nella realtà è minimo, e stabile nel tempo. Su mille interventi possiamo stimare 5 veri ‘pentimenti’.

 

Mentre ben diversi sono i numeri dei ‘ritocchi bis’, operazioni dovute a risultati non soddisfacenti con il primo intervento. In ogni caso, nonostante le professioni di pentimento fra i vip, la frase che sento più spesso dalle mie pazienti è ‘dottore, avrei fatto qualcosa in più’, e non ‘toglierei qualcosa’. E’ anche vero che io punto sempre a un risultato naturale, ma il fatto è che ancora oggi troppo spesso si esagera con la chirurgia plastica, e ormai specie fra le donne di spettacolo taluni risultati ‘imbarazzanti’ si esorcizzano con una dichiarazione di pentimento, quasi mai seguita da interventi per rimediare”.

 

Inoltre, “a parte la riduzione del seno, eliminare i segni di un intervento troppo evidente o innaturale non è affatto semplice”. Nel frattempo, si moltiplicano coloro che puntano sui tatuaggi, ma anche qui, si contano diversi ‘pentiti’ che, a un certo punto, si affidano al laser per eliminare le tracce di un disegno sulla pelle che ormai non soddisfa più…

 

chirurgia_estetica