Cavitazione: un nuovo rimedio estetico che funziona e non è invasivo



Le tecniche per il dimagrimento hanno ormai una proliferazione così incontrollabile, che vi sono diete “sui generis” per tutti i gusti.. per non parlare di dolorosi interventi quali la liposuzione o la liposcultura. Questa volta però la scienza mette in campo una nuova proposta per soddisfare la necessità delle donne di apparire sempre in forma, stiamo parlando della nuova tecnica della cavitazione.

Si basa tutto sugli ultrasuoni. L’operatore passa sulle zone da trattare una piccolo rullo che invia ultrasuoni non udibili a bassa frequenza, si lavora a circa 40 Khz.

La cavitazione è la formazione di cavità gassose all’ interno di un liquido, in questo caso degli adipociti che poi collassano ed implodono grazie agli ultrasuoni.

L’onda d’urto produce l’implosione delle bolle all ‘interno del liquido interstiziale ma è in grado di danneggiare solo cellule adipose, infatti se gli impulsi vengono diretti su muscoli o altre zone del corpo non colpite da cellulite o grasso non vengono danneggiate per via della bassa frequenza.

Alla cavitazione si accompagna spesso, alla fine del trattamento, un massaggio di linfodrenaggio che servirà ad eliminare le scorie accumulate.

Quasi tutte coloro che hanno testato questa nuova tecnica riscontrano dei risultati positivi (circa 1, 1,5 cm ) già dopo la prima seduta!

L’unica cosa che può fermarvi sono le vostre tasche.. si parla di circa 150 euro a seduta.. sta a voi scegliere… a meno che non avete problemi di obesità è bene chiedersi: “La bellezza è la magrezza”?

imagesCAEM9SCIj