World Pasta Day 2011, spaghetti che passione!



A quanto pare la pasta sembra essere il piatto preferito dai cinquanta paesi che hanno la fortuna di consumarlo. D’altronde chi non resiste a un piatto di bucatini all’ amatriciana, o meglio ancora a un piatto di spaghetti al pomodoro? Tutti pazzi per la pasta, dunque e nel futuro sarà sempre più protagonista nel mondo.

Infatti, in occasione della Giornata della Pasta, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta, ha confermato che l’industria di questo piatto è la prima nel mondo con 3.247 milioni di tonnellate prodotte, di cui un piatto di pasta su quattro viene consumato in Italia. Si sa che siamo dei buon gustai! Invece, sette piatti di pasta su dieci sono quelli consumati in Europa.

Insomma, la pasta sembra far impazzire tutti. E non solo, continua ad aumentare persino la domanda, in paesi come Russia, Cina, India e Arabia. Mentre come potete immaginare, l’Italia è in prima fila nella classifica dei mangiatori di pasta. Solo dopo abbiamo il Venezuela e la Tunisia, che non scherzano come consumo di piatti di pasta. Un mondo senza pasta, sembra impossibile.

Inoltre, durante questa giornata tutta dedicata alla pasta, non si è mancato di ricordare l’emergenza della fame nel mondo. La Caritas infatti consegna almeno 14 tonnellate di pasta ai paesi in difficoltà. La pasta ha dunque anche il suo lato umanitario. Tra l’altro pare che la pasta abbia anche un ruolo globale importante: come il prodotto più amato del mondo. E nonostante la crisi e l’aumento dei prezzi rimane sempre il piatto più presente nelle tavole di tutti i continenti.