Whitney Houston, arriva nelle sale Sparkle

Whitney Houston, arriva nelle sale Sparkle

Il film che avrebbe dovuto celebrare il grande ritorno di Whitney Houston come attrice e come cantante, è appena sbarcato nelle sale cinematografiche USA. La pellicola s’intitola Sparkle ed è remake dell’omonimo film del 1976 diretto dal regista Salim Akil. In Italia, invece, uscirà il prossimo 14 settembre.

Whitney Houston, morta lo scorso febbraio per overdose di cocaina e barbiturici, torna a vivere, come per magia, nel film Sparkle, che racconta la storia delle Supremes, un gruppo musicale femminile che negli anni Sessanta spopolò in America. La regina del pop interpreta il ruolo di Emma, la madre delle giovani cantanti che riusciranno, nonostante il suo parere contrario, a raggiungere la notorietà tanto sperata.

Accanto a Whitney Houston, che del film è stata anche produttrice esecutiva, ci sono Jordin Sparks, Tika Sumpter e Carmen Ejogo, che indossano, appunto, i panni delle future Supremes (in realtà non formato da 3 sorelle, ma da Diana Ross, Mary Wilson e Florence Ballard, poi sostituita da Cindy Birdsong). La popstar sperava di bissare il grande successo di The Bodyguard, il film con Kevin Costner, ma tutti sappiamo come è andata a finire.

Whitney Houston non ha un ruolo da protagonista, piuttosto da antagonista. Cerca, infatti, di opporsi con tutte le sue forze al futuro musicale delle ragazze, ma in fondo al cuore sa bene che non potrà fermarle nella scalata al successo che le attende. Forse, il momento più commovente del film è quando la popstar si mette a cantare His Eye Is On The Sparrow, e lì il pubblico in sala si scioglie.

 

Whitney Houston, arriva nelle sale Sparkle