Virus Internet: attenti al “simulatore” della Polizia Postale

virus 2012

Attenzione internauti, in giro c’è un virus informatico particolarmente aggressivo che blocca il computer e fa comparire una schermata in cui si richiede il pagamento immediato di 100 euro per poter poi ricevere il codice di sblocco del sistema.

A mettere in guardia gli utenti italiani è la stessa Polizia Postale e delle Comunicazioni. L’immagine riproduce fedelmente l’intestazione di quello che è il CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche), l’ufficio speciale della Polizia che ha il compito di prevenire e reprimere i crimini informatici.

La riproduzione che compare se si è attaccati dal virus non ha nulla a che fare con il vero Ufficio della Polizia di Stato che, ovviamente, non chiederebbe mai il pagamento di una somma di denaro, ad alcun titolo e soprattutto in questo modo “piratesco”.

La pagina, in realtà, proviene da un server localizzato in Russia che ha ovviamente il compito di trarre in inganno i navigatori del web facendo leva sul timore di essere andati a cercare qualcosa di “troppo”; non a case compare in seguito all’accesso su alcuni siti per adulti e sicuramente è capace di incutere un certo timore negli utenti meno esperti.

Non potendo intervenire “caso per caso” la Polizia Postale e delle Comunicazioni spiega che è sempre opportuno disporre di un antivirus aggiornato, di navigare usando il pc con la predisposizione account utente (non come admin, quindi) e se questo non bastasse, non pagare nulla a nessuno. Altre informazioni sono reperibili sul sito del Commissariato di Pubblica sicurezza online.