Vino rosso con il pesce?

vino rosso e pesce

Vino rosso con il pesce? Certo, i puritani hanno già storto il naso ma in realtà non c’è nulla di male a bere una buona bottiglia di vino rosso ad un pranzo o ad una cena di pesce.

Se fino a poco tempo fa tutti erano concordi tra sommelier, esperti, enotecari a non consigliare vino rosso in abbinamento al pesce oggi la teoria è cambiata e addirittura il vino rosso con il pesce viene ricercato dalle alte cucine.

Il vino rosso si amalgama molto bene con il gusto del pesce, ma non con tutti i piatti. Difficile accostarlo con una frittura, con gli antipasti, con i crostacei e i molluschi, a meno che questi non vengano presentati in un sugo di pomodoro in umido.

Dal Giappone una ricerca pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry sostiene che il vino rosso non può essere abbinato al pesce per il suo retrogusto spiacevole dato dalla presenza di ferro. Lo chef Takayuki Tamura aggiunge però che esistono alcune eccezioni alla regola, come nel in caso di vini “poco ferrosi”. Dal suo canto Terenzio Medi, presidente dell’Associazione italiana Sommelier è categorico: “Con il pesce si può tranquillamente bere anche un vino rosso o rosato”.

Insomma bere del vino rosso con il pesce è normale, basta che questo incontri i vostri gusti. Magari un rosato, se prima volete fare una prova di “fattibilità”.

Io vi consiglio un buon Montepulciano d’Abruzzo, o un Amarone della Valpolicella, o un Morellino di Scansano. Provare per credere.