Vasco Rossi Nonciclopedia: e chiusura sia…

vasco

Si torna a parlare di Vasco Rossi, dopo i problemi di salute che hanno messo in apprensione in fan durante tutta l’estate. C’è qualcosa di nuovo ora; il rocker di Zocca in questi giorni ha fatto causa Nonciclopedia, una versione ironica di Wikipedia in cui spesso si fa uso di definizioni un pò border line o persino un pò offensive in riferimento a fatti di cronaca, storici e personaggi pubblici. Evidentemente il Blasco non deve aver preso bene la pagina a lui dedicata e al posto di riderci su ha deciso di mettersi sulla via legale, con un risultato preliminare, la chiusura (non sappiamo se temporanea o definitiva) del sito. Sulla homepage di Nonciclopedia è infatti possibile leggere “Nonciclopedia chiude i battenti a tempo indeterminato per colpa di quelle persone che si prendono troppo sul serio. Un sentito ringraziamento a Vasco Rossi e ai suoi avvolt… avvocati”. Una decisione inevitabile, probabilmente per prevenire l’insorgere di altri problemi.

L’inizio della vicenda non è recentissimo, già all’inizio del 2010 il sito era stato avvertito dai legali di Vasco Rossi che chiedevano la rimozione della pagina dedicata al cantante. A quanto si dice la richiesta non era granchè chiara e i responsabili del sito pensarono si trattasse di uno scherzo. Non lo era alla prova dei fatti. La portavoce di Vasco Rossi, Tania Sachs, a mezzo del profilo Facebook del cantante non lascia spazio ai dubbi: “A proposito di Nonciclopedia, prima di tutto fatti e non solo parole: più di un anno fa, nel febbraio 2010, abbiamo sporto querela per diffamazione nei confronti del sito Nonciclopedia che degli insulti contro Vasco Rossi aveva fatto la sua bandiera. Insulti quotidiani e gratuiti, insulti a tempo perso e senza alcun motivo. A un anno e mezzo circa dalla denuncia per diffamazione il magistrato in questi giorni ha riscontrato che gli elementi di reato per diffamazione esistono tutti e lo ha comunicato alle parti.” Insomma, Nonciclopedia chiude, per evitare un peggioramento della propria posizione. Resta soltanto in dubbio come finirà la vicenda.