Terremoto Sud Italia: assestamenti del post-Emilia?

capri-profondom4

Dopo gli eventi tellurici e devastanti che hanno colpito l’Emilia, la terra non ha mai smesso di tremare, sebbene, fortunatamente, in maniera lieve, senza provocare danni ingenti a cose o persone! Ma perché la terra continua a tremare, a giorni alterni, nel Nord o a Sud del Paese? I sismologi c’invitano alla calma: si tratta di normali assestamenti dopo il movimento tellurico emiliano e lo spostamento conseguente delle placche tettoniche! Ma se associamo le paure per un anno così denso di racconti, leggende e miti agli aventi tellurici sempre più frequenti di questi giorni ed al clima impazzito ed anomalo qualche dubbio sovviene…

Alle 23. 32 di ieri, 13 luglio 2012, la terra ha tremato a ben 480 km di profondità al largo del golfo napoletano. Ad Ischia, molti hanno avvertito la scossa di media entità (4 di magnitudo) che, fortunatamente, aveva un origine molto profonda. Anche i turisti a Capri si sono notevolmente spaventati per il terremoto, tingendo di giallo le vacanze spensierate nella famosa piazzetta che spesso ospita anche i Vip!

Ma lo sciame sismico che sta letteralmente attraversando lo stivale non accenna a fermarsi. Stamattina, infatti, una scossa molto più lieve, di magnitudo 2,6, è stata registrata nella zone confinanti tra Calabria e Basilicata. L’epicentro è stato registrato a 8,2 km di profondità.

Il sito ufficiale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia attribuisce l’evento sismico di stanotte alla subduzione della litosfera ionica. Pare che terremoti molto profondi siano assolutamente comuni e molto frequenti nel Tirreno Meridionale.

Sbirciando sul sito, possiamo però notare la straordinaria attività sismica, nella norma, ovviamente, della Nostra Penisola. Alle 10:11 ed alle 13:40 di oggi, ad esempio, sono state registrate scosse del 2,7 nella Pianura emiliana, sicuramente ancora d’assestamento.

A vostro parere tutti questi eventi sismici sono “normale amministrazione” o la terra si sta risvegliando?