Tempo di crisi? Allora vendiamo anche la faccia!



Crisi, crisi ed ancora crisi. Si tratta senza dubbio della parola maggiormente usata nell’ultimo triennio, non a torto, intendiamoci. Si tratterà probabilmente (e sfortunatamente) della parola che più verrà usata anche nel corso del prossimo lustro, che ci sia o meno una salvifica, per quanto improbabile ripresa. Una crisi che, come a più riprese ci è stato spiegato, colpisce non soltanto il nostro paese, ma più in generale tutto il mondo occidentale (quello che ci differenzia da altri, per difficoltà ataviche, è la nostra capacità di assorbimento e soprattutto di “ripresa”).

Problemi, ad esempio, ce ne sono anche in Gran Bretagna, dove è diventato veramente molto difficile potersi pagare la retta per una prestigiosa università. Ma gli inglesi sono intraprendenti, lo sappiamo. E difatti Ross Harper, dottore in Neuroscienze e Ed Moyse, laureato in Economia, hanno deciso di mettere in vendita il loro volto, per saldare il loro debito di 50 mila sterline contratto con l’ateneo di Cambridge.

Una giornata al centro di Londra, vissuta a questo modo, può fruttare molto ed in pochi mesi i due ragazzi hanno così messo da parte 32 mila sterline. L’idea in se è indubbiamente originale ed i due sono stati aiutati dai prezzi relativamente “modici” richiesti. In ogni caso in poco tempo hanno trovato degli epigoni anche in Europa, America, Australia, Oriente.

Ciò che ha suscitato l’immediato interesse su Harper e Moyse è stato il fatto che “a chiedere di loro” si è scomodato anche un marchio celebre come Ernst & Young al punto che che molti altri giovani hanno manifestato interesse nell’iniziare questa particolare “carriera”. Visitando (se vorrete) il sito internet buymyface vi sarà possibile capire come lavorare con Ed e Ross.